Zoolander

Recensioni

Offerto da

Ultimamente ci sono stati articoli che chiedono perché gli Stati Uniti siano così odiati in alcune parti del mondo. Come mostra A da Hollywood di questa settimana, offro 'Zoolander', una commedia su un complotto per assassinare il primo ministro della Malesia a causa della sua opposizione al lavoro minorile. Potresti voler leggere quella frase due volte. La logica: il lavoro minorile è necessario per la salute economica dell'industria della moda, quindi i suoi oppositori devono essere eliminati. Ben Stiller interpreta Derek Zoolander, un modello maschile idiota a cui è stato fatto il lavaggio del cervello per eseguire l'omicidio.

La Malesia è un paese prevalentemente musulmano con una bandiera che assomiglia molto alla nostra: ha le strisce bianche e rosse della bandiera americana e un campo blu nell'angolo in alto a sinistra, che al posto delle stelle mostra i simboli islamici, la stella e la mezzaluna . La Malesia ospita le Petronas Towers di Kuala Lumpur, gli edifici più alti del mondo. Ma hai capito. Se i malesi facessero una commedia sull'assassinio del presidente degli Stati Uniti a causa della sua opposizione alla schiavitù, a noi sembrerebbe divertente quanto 'Zoolander' sembrerebbe a loro. Mi rendo conto che sto diventando seria con te. Ovviamente, in tempi come questi, serve un po' di evasione. 'Hagrid', il critico di solito sano di mente di Ain't It Cool News, è andato a vedere 'Zoolander' sentendo che 'una commedia è proprio quello di cui avevo bisogno e, quello che sento, tutti hanno bisogno in questo momento'. Il suo verdetto? 'È un film perfetto per aiutare le persone a dimenticare tutto per qualche ora, e sarà grandioso'. Beh, sai, volevo dimenticare, ma il film continuava a farmi ricordare. Mi sono sentito particolarmente a disagio durante le scene che coinvolgono il primo ministro, mostrato come un anziano asiatico che viene portato a New York per assistere a una sfilata di moda dove viene preso di mira per essere assassinato. Ti direi il suo nome, dal momento che ha molto tempo sullo schermo, ma il sito Web del film lo ignora e la voce nel database di Internet Movie, che ha spazio per elencare 26 attori, trascura di fornirlo. Quei vecchi attori asiatici sono solo dei segnaposto, immagino, e chiunque potrebbe interpretare il primo ministro.

Del resto, qualsiasi paese potrebbe giocare con la Malesia. Negli anni passati, i film hanno inventato paesi immaginari di cui prendere in giro. Groucho Marx una volta interpretava Rufus T. Firefly, il dittatore di Fredonia, e 'Il topo che ruggiva' parlava del Ducato di Grand Fenwick. Non ha colpito nessuno collegato a questo film che fosse di cattivo gusto nominare un vero paese con un vero primo ministro? Un serio dramma politico sarebbe una cosa, ma perché prendere un colpo così offensivo in una commedia sciocca? In una certa misura, 'Zoolander' è vittima di un cattivo tempismo, anche se sospetto che avrei trovato l'angolo dell'assassinio ugualmente insapore prima dell'11 settembre. Il film è una puntata satirica all'industria della moda, e ci sono punti segnati, e alcuni cose buone che coinvolgono Stiller e Owen Wilson , che interpretano i due migliori modelli maschili del mondo, divertente di per sé. I momenti migliori riguardano l'estrema stupidità del personaggio di Stiller. Mostrato un modellino di un centro letterario da costruire in suo onore, lo spazza a terra, esclamando: 'Questo è un centro per formiche! Come possiamo insegnare ai bambini a leggere se non riescono nemmeno a stare all'interno dell'edificio?' Divertente, sì, e mi piace il modello della mano la cui mano è sigillata all'interno di una camera iperbarbica per proteggerla. Ammiro anche la spietatezza con cui 'Zoolander' sottolinea che l'industria della moda dipende davvero dal lavoro minorile. I vestiti per il ritorno a scuola dei bambini americani sono in gran parte realizzati da bambini del Terzo Mondo che non vanno a scuola. In effetti, più ti metti nei panni (se ne aveva) di un dodicenne musulmano in una fabbrica di magliette sportive, più potresti capire perché si risente dei ricchi americani e potrebbe essere offeso da un film sull'assassinio del suo primo ministro (se avesse i soldi per andare al cinema). Ragazzi del genere non crescono pensando all'America con affetto come le persone che hanno disegnato la sua bandiera.

Rispondendo rapidamente alla tragedia dell'11 settembre, i creatori di 'Zoolander' hanno apportato alcune modifiche dell'ultimo minuto. No, non hanno doppiato la parola 'Malesia' o modificato l'assassinio del primo ministro. Quello che hanno fatto è stato cancellare digitalmente il World Trade Center dallo skyline di New York, in modo che il pubblico non si ricordasse della tragedia, come se l'avessimo dimenticato. È una buona cosa che nessuna scena sia stata girata a Kuala Lumpur, o probabilmente avrebbero cancellato le Petronas Towers, per impedirci di diventare depressi o gelosi o altro.

Raccomandato

Ebert recensisce i vincitori dell'Oscar
Ebert recensisce i vincitori dell'Oscar

Uno sguardo ai film, ai registi e alle performance tra i vincitori dell'Oscar 2007:

Gurinder Chadha, Sarfraz Manzoor, Viveik Kalra e Aaron Phagura nel loro film ispirato a Bruce Springsteen, Accecato dalla luce
Gurinder Chadha, Sarfraz Manzoor, Viveik Kalra e Aaron Phagura nel loro film ispirato a Bruce Springsteen, Accecato dalla luce

Un'intervista con i narratori e gli attori dietro il film ispirato a Bruce Springsteen, Blinded by the Light.

SOLUZIONI: Chicago Teens ha posti dove andare quest'estate
SOLUZIONI: Chicago Teens ha posti dove andare quest'estate

Una ristampa di un editoriale nel numero del 25 maggio 2022 del Chicago Sun-Times, di After School Matters che lavora in collaborazione con Boys & Girls Club di Chicago e Union League Boys & Club delle ragazze.

TIFF 2019: La storia personale di David Copperfield, Sound of Metal, Human Capital
TIFF 2019: La storia personale di David Copperfield, Sound of Metal, Human Capital

Considerazioni su tre film del TIFF, tra cui l'ultimo di Armando Iannucci.

Video Intervista: Katherine Waterston, Michael Fassbender e Ridley Scott su 'Alien: Covenant'
Video Intervista: Katherine Waterston, Michael Fassbender e Ridley Scott su 'Alien: Covenant'

Una video intervista con Katherine Waterston, Michael Fassbender e Ridley Scott su 'Alien: Covenant'.

Gioiosamente strano e senza paura: Stephanie Hsu su Tutto ovunque tutto in una volta
Gioiosamente strano e senza paura: Stephanie Hsu su Tutto ovunque tutto in una volta

Un'intervista con Stephanie Hsu, la star di successo di Everything Everywhere All At Once di Daniels.