'Z: The Beginning of Everything' di Amazon offre una bella vetrina per Christina Ricci

TV/Streaming

Poche sfide affrontate dai bambini attori sono più scoraggianti della capacità di elevarsi al di sopra dei precoci tipi di cast. Winona Ryder e Cristina Ricci erano così amate nei loro ruoli di giovani sardoniche e dal viso pallido che era difficile per il pubblico accettarle come donne adulte. Mentre la carriera di Ryder è stata rinvigorita dalla sua svolta deliziosamente sfrenata su 'Stranger Things' di Netflix, Ricci ha avuto successo anche in televisione con 'The Lifetime' Lizzie Borden Chronicles” (entrambi i programmi hanno ottenuto nomination alle rispettive star della Screen Actors Guild). Eppure Ricci rimane un'attrice ampiamente sottovalutata, in parte a causa della sua tendenza a sbagliare. Metti in contrasto il suo ritratto senza tempo di Wednesday Addams, specialmente durante il suo monologo del Ringraziamento aspramente esilarante in ' I valori della famiglia Addams ”, con la sua performance in legno in “ Sleepy Hollow ”, un film che le richiedeva di fornire infinite gocce di esposizione goffa. La buona notizia su 'Z: The Beginning of Everything' di Amazon è che è senza dubbio la migliore vetrina di Ricci dal 2003 ' Mostro ”, dove il suo eccellente lavoro è stato sminuito da quello del premio Oscar Charlize Theron . Anche se questa serie vede anche Ricci come la metà meno famosa di un famigerato accoppiamento, l'attrice questa volta ottiene il ruolo del protagonista, e lo affronta con esuberante entusiasmo.

Le creatrici Dawn Prestwich e Nicole Yorkin (' L'uccisione ”) incentrano il loro spettacolo su Zelda Sayre Fitzgerald (Ricci), l'iconica flapper e moglie del leggendario autore, F. Scott Fitzgerald (David Hoflin). Utilizzando l'opera di narrativa storica più venduta di Therese Anne Fowler, 'Z: A Novel of Zelda Fitzgerald', come materiale di partenza, la serie fa di tutto per illustrare che Zelda era l'Alma Reville di Hitchcock di Scott. Proprio come Sascia Gervasi è il film biografico del 2012 eccessivamente sentimentalizzato, “ Hitchcock ', ha affermato che il film rivoluzionario del Maestro della suspense, 'Psycho', sarebbe stato un disastro senza i contributi non accreditati di sua moglie, ' DA ” sostiene che Zelda sia essenzialmente la coautrice dei capolavori letterari di suo marito. I passaggi dei suoi diari sono stati usati alla lettera da Scott, che li ha inseriti nel suo romanzo d'esordio, 1920 Questo lato del paradiso , in particolare in un monologo finale pronunciato dal suo protagonista. Uno dei momenti più esasperati in 'Z' si verifica quando Scott rifiuta la richiesta di pubblicare il diario di sua moglie, mentre ricorda a sua moglie la sua affettuosa osservazione che le loro identità individuali si erano fuse in un unico essere: 'noi'. È quel senso di unità a cui non ho mai creduto del tutto nello spettacolo di Prestwich e Yorkin, che suona falso ogni volta che accetta le illusioni romantiche dei suoi personaggi. Il pilot, presentato in anteprima su Amazon nel 2015, si è fermato nel preciso momento in cui Zelda e Scott si incontrano, e sebbene il loro corteggiamento comprenda l'intero episodio due, il suo bisogno è una svolta fin dall'inizio. Semplicemente non c'è abbastanza chimica tra i protagonisti per venderci il fascino seducente della loro unione.

Ciò che rende questo difetto quasi fatale è la forza della performance di Ricci, che cattura l'irriverenza impertinente e lo spirito ribelle che hanno reso Zelda un disadattato anche nella sua città natale di Montgomery, in Alabama. I suoi momenti migliori sono quelli più tranquilli, come quando riprende la calma prima di salutare i primi invitati al matrimonio nel suo appartamento di New York, o quando viene guidata attraverso un provino, poiché i ricordi del suo passato fanno sbocciare tangibili fitte di desiderio prima della lente. C'è anche una scena commovente in cui Zelda telefona a sua madre a casa e dipinge per lei un ritratto immaginario del giorno del suo matrimonio che l'anziana donna troverebbe accettabile. I colori chiari del guardaroba meridionale di Zelda contrastano vistosamente con la presa scura, quasi funebre, indossata dai compagni dell'alta società di Scott ('She reeks of Antebellum', annusa un festaiolo). Dopo aver indossato con riluttanza abiti progettati per farla mimetizzare, Zelda non sopporta di ascoltare i pettegolezzi dispettosi dei suoi compagni conoscenti senza sgonfiare rapidamente la loro importanza personale con un gusto impassibile. Questa sottotrama culmina in quello che avrebbe dovuto essere uno dei momenti salienti dello show, quando Ricci si trasforma ufficialmente nella celebrità più grande della vita di Zelda alla fine del quinto episodio. Sebbene la sua metamorfosi avvenga tecnicamente alle sue condizioni, è alimentata dal bisogno di suo marito che lei cambi in base alle aspettative del pubblico. Quando Hoflin considera i grandi riccioli biondi di Ricci e risponde: 'Sei l'unico che voglio', sembra incanalare John Travolta in ' Grasso ” piuttosto che Fitzgerald.

Qui sta l'aspetto più debole di 'Z', lo stesso Fitzgerald. La performance di Hoflin non è male di per sé, e mostra una sufficiente somiglianza con l'autore, ma durante le sue scene romantiche, si comporta come una versione più piagnucolona di Leonardo Dicaprio il rubacuori in ' Titanico .” La sua dipendenza da Zelda è insopportabile nel migliore dei casi, patologica nel peggiore. Non riesce nemmeno a leggere le sue stesse parole a un pubblico, balbettando attraverso di esse come un adolescente privato del sonno, quando sua moglie non è presente. Successivamente, si avvicina a un critico compiaciuto e lo fa a pezzi con una voce chiaramente articolata che sarebbe tornata utile durante la lettura. Quando descrive in termini melodrammatici come il critico sarà ricordato per niente, l'uomo risponde: 'Hai un tale dono per i cliché'. Il critico ha ragione, almeno per quanto riguarda i dialoghi di Scott per tutta la serie, che non accennano mai al genio che andrebbe a creare Il grande Gatsby . Parla principalmente con ovvi accorgimenti, come quando arriva in una casa al mare dove intende completare il suo prossimo romanzo. Scott vede le pareti bianche e dice: “Una tabula rasa! Ora c'è una metafora!' Più tardi, quando spegne il fuoco del grasso in una padella lasciata da Zelda, che siede esausto dopo una giornata di lavoretti, esclama: 'Puoi provare a non mandare tutto in fiamme?' Come presumibilmente era vero per il lavoro di Fitzgerald, le battute migliori in 'Z' sono quelle rubate, come quando HL Mencken si fa vivo per sputare i suoi pensieri distintivi sul matrimonio. Scott non solo plagia i diari di sua moglie, ma si aspetta che Zelda lo lasci in isolamento sopprimendo i suoi talenti che avrebbero potuto portarle il successo a Hollywood (se le avesse permesso di andare). Forse l'immagine chiave dell'intero spettacolo si verifica quando Zelda culla il marito ubriaco dicendo 'Sì, signore, è il mio bambino!' risuona nella colonna sonora.

Se l'influenza di Zelda su Scott fosse stata davvero così profonda come suggerisce questa serie, il titolo più appropriato sarebbe stato 'Z: The Reason for Everything'. L'episodio dieci finisce proprio mentre Scott sta finendo il suo secondo romanzo, Il bello e il dannato , lasciando una grande quantità di angoscia, infedeltà e crudeltà da affrontare nelle stagioni future. Anche se c'è un debole tentativo di legare la coppia a causa del loro comune disprezzo per un impiegato sessista ( Gene Jones , un maestro dello smarrimento a bocca aperta), la loro storia d'amore sembra aver già raggiunto il suo punto finale nei momenti finali dello spettacolo. In un bel caso di bookending che fa riferimento alla prima volta che gli occhi delle coppie si incontrano, Zelda osserva il suo fidanzato con apprensione e una sfumatura di sfiducia prima di scattare un sorriso mentre si avvicina a lui. Lo spettacolo potrebbe voler far credere agli spettatori che stanno assistendo a una grande storia d'amore, ma ai miei occhi, gli effetti schiumosi dei Fitzgerald equivalgono a poco più che uno stallo per scongiurare il loro inevitabile destino. Se le relazioni sono davvero come uno squalo, allora questo viene catturato in una porta girevole senza uscita. Ora c'è una metafora!


Raccomandato

Osservazioni di uno scettico sulla stagione dei premi, parte terza: La bassa scintilla della stanchezza da Oscar pre-Oscar
Osservazioni di uno scettico sulla stagione dei premi, parte terza: La bassa scintilla della stanchezza da Oscar pre-Oscar

Pronostici di Oscar e un commento sullo stato generale di malessere deluso che sembra prendere il sopravvento sui blogger di Oscar in questo periodo dell'anno.

TIFF 2014: Scavare un po' più a fondo con 'The Last Five Years', 'Paper Planes', 'The Reach'
TIFF 2014: Scavare un po' più a fondo con 'The Last Five Years', 'Paper Planes', 'The Reach'

Un rapporto su TIFF 2014, con 'The Last Five Years', 'Paper Planes' e 'The Reach'.

Boia
Boia

Un knock-off di Cheapo Seven che si sarebbe tentati di suggerire è al di sotto del talento di tutte le persone coinvolte, ma sapevano in cosa si stavano cacciando quando l'hanno letto.

Il re della commedia
Il re della commedia

'Il re della commedia' di Martin Scorsese è uno dei film più aridi, dolorosi e feriti che abbia mai visto. È difficile credere che Scorsese ce l'abbia fatta; invece della vita in una grande città, della violenza e della sessualità dei suoi film come 'Taxi Driver' e 'Mean Streets', quello che abbiamo qui è un ritratto agonizzante di persone sole e arrabbiate con le loro emozioni tutte strettamente represse. Questo è un film che sembra pronto ad esplodere, ma in qualche modo non lo fa mai.

Uno schema distintivo: il leggendario costumista Sandy Powell in 'Wonderstruck'
Uno schema distintivo: il leggendario costumista Sandy Powell in 'Wonderstruck'

Un'intervista con la costumista tre volte vincitrice di Oscar Sandy Powell sul suo lavoro nel nuovo film di Todd Haynes, 'Wonderstruck'.

NYFF 2014: I film del weekend di apertura 'La Sapienza' e 'Gone Girl' mostrano la profondità artistica del Fest
NYFF 2014: I film del weekend di apertura 'La Sapienza' e 'Gone Girl' mostrano la profondità artistica del Fest

Questo è un dispaccio sul primo fine settimana del NYFF 2014, tra cui 'La Sapienza' di Green e 'Gone Girl' di Fincher.