Una lettera d'amore ai musical: il regista, co-sceneggiatore e cast di Schmigadoon!

Interviste

'Schmigadoon!' è un omaggio amorevole e una parodia di musical classici da 'Oklahoma' a 'The Music Man', 'Carousel, 'The Sound of Music' e, naturalmente, 'Brigadoon', la storia di due uomini che trovano una città magica, che ispira il suo nome La serie di sei episodi su AppleTV+ è protagonista Cecilia Forte e Keegan-Michael Key nei panni di dottori che sentono una certa tensione nella loro relazione a lungo termine e scoprono una cittadina pittoresca e incontaminata dove le persone continuano a cantare. Un folletto interpretato da Martin Corto dice loro che non potranno lasciare la città finché non troveranno il vero amore. Il cast include superstar di Broadway Alan Cumming , Jane Krakowski , Kristin Chenoweth , Aaron Tveit , Ann Harada, e Ariana De Bose (Anita nel prossimo Steven Spielberg 'West Side Story') e i numeri di canzoni e balli sono gioiosi e canticchiabili come la musica che li ha ispirati.

Nelle interviste, regista Barry Sonnenfeld ha confessato di non essere stato un fan della musica e rivela quello che considera il lavoro più importante del regista, Strong descrive la scena che è stata più difficile dell'apprendimento dei numeri musicali e Tveit parla dei ruoli musicali classici di Broadway che hanno ispirato il suo personaggio. Ann Harada sceglie il musical in cui vorrebbe vivere, Dove Cameron descrive l'interpretazione di un personaggio meno 'reale' di quelli con cui interagisce, e cantautrice/co-showrunner Cinque Paolo parla di intrufolarsi nello show con i nomi di alcuni dei suoi eroi cantautori. (Interviste combinate e leggermente modificate.)

Barry, sognavi di metterti nei panni dei classici registi musicali come Vincente Minnelli e Stanley Donen ?

BARRY SONNENFELD: Mi è piaciuto molto il processo di realizzazione, ma non ero un grande fan della musica. Ma c'erano tre musical che mi piacevano da adulto. Nessuno di loro è davvero un musical tradizionale. Uno è 'Il senso della vita' dei Monty Python. Ogni sera cantavo come ninna nanna a mia figlia, 'Every Sperm Is Sacred' del film, il che è un po' strano. Canterei anche la canzone 'Eve of Destruction', che è un po' strano. Mi è piaciuto molto anche 'Pennies From Heaven' con Steve Martin , e ho anche adorato l'interpretazione di 'Hair' di Milos Forman, che è stata davvero meravigliosa. Ma in tutti questi casi anche la musica è molto buona. E la cosa grandiosa di 'Schmigadoon' è che penso che Cinco abbia fatto un lavoro straordinario nel creare quei 20 numeri musicali che sembrano tutti tratti dai musical della MGM degli anni '30, '40 e '50.

Deve essere stata una sfida ottenere il tono giusto di questa serie, con due personaggi del mondo 'reale' e il resto di un mondo fantastico che è affettuoso ma anche satirico.

BS: Giusto. L'unico lavoro che ha un regista è creare ed essere coerente nel tono. Questo è l'unico lavoro di un regista. E quello che dico a tutti gli attori, se lo è Will Smith o Tommy Lee Jones in 'Men In Black', o Keegan, o Cecily, o Kristin Chenoweth, o Alan Cumming, è solo: 'Recita la realtà della scena. Non cercare di essere divertente. Non cercare di essere spiritoso. Don 'non cercare di essere affascinante. Se i tuoi dialoghi sono affascinanti e la scena è affascinante, sarai affascinante'.

Quello che voglio sempre fare è eliminare tutta la recitazione dalla recitazione. È per questo che l'unica nota che ho mai dato a un attore è 'più veloce, più piatto'. Perché se dici le cose abbastanza in fretta, non hai tempo per agire. Ed è lì che vivo così che anche in questo mondo artificiale di 'Schmigadoon!', dove tutti cantano e ballano, non strizzano mai l'occhio alla telecamera. Non dicono mai: 'Siamo in un musical'. Non sanno nemmeno di essere in un musical. Non sanno nemmeno che stanno cantando e ballando. Questo è solo il modo in cui sono. Quindi, questo è il segreto del successo in tutto ciò che ho diretto, che è: recitare la realtà della scena, non recitare la commedia nella scena. Non ammettere di essere in una commedia o in un musical, sii lì. Ed è quello che amo fare. E anche in un musical, penso di essere stato in grado di farlo con successo.

AARON TVEIT: Penso che sia qualcosa che abbiamo imparato. Non vuoi andare troppo lontano, soprattutto nel cinema. Non sai davvero come si tradurrà. Ma penso che abbiamo imparato con questo con i personaggi che Dove (Cameron) e io abbiamo avuto modo di interpretare, eravamo più unidimensionali interpretando questo tipo di idee di queste persone, rimbalzando contro la realtà dei personaggi di Cecily e Keegan. Abbiamo subito imparato che più andavamo avanti e più andavamo in quelle direzioni, in realtà si contrapponeva per funzionare al meglio. Quindi sì, è stata sicuramente una sfida per noi trovare quale fosse il tono. Ma alla fine è lì che siamo atterrati.

DOVE CAMERON: Era qualcosa in cui ero davvero preoccupato di entrare. Dobbiamo assicurarci tutti che stiamo facendo lo stesso tono. Ero davvero preoccupato per questo. E poi è successo naturalmente. Penso che Cinco e Barry e (produttore) Lorne Michaels ha fatto un ottimo lavoro. E Cecily ha fatto un ottimo lavoro nel costruire questo mondo che è stato abbastanza facile entrarci. Quindi in realtà era una specie di non discussione. Era solo una specie di 'Oh, questo è il tono, ed è qui che si trova'. E sicuramente, come ha detto Aaron, più seriamente hai finito per giocarci, più divertente è stato accostato a Cecily e Keegan. È una vera gioia.

ANN HARADA: Onestamente, sento che questo è il tono della maggior parte dei musical perché è impossibile non essere consapevoli che stai cantando e che di per sé è un costrutto artificiale, ma che devi crederci così tanto, e devi essere così impegnato, e sei incredibilmente sincero perché, come tutti sappiamo, la commedia non arriva se non la senti e non è assolutamente fedele a te. Quindi, per me, questo è il tono di un musical.

Ho notato che in una scena nella scuola c'era un programma per le riunioni genitori-insegnanti e tutti i nomi erano di grandi cantautori di Broadway come Alan Jay Lerner e Frank Loesser. Chi ne era responsabile?

CINCO PAUL: Quella era la mia lista. Perché una volta che ho visto che c'era una lavagna, ho pensato: 'Mmm, mettiamo qualcosa su questa lavagna'. E quindi, sono i compositori dei musical a cui rendiamo omaggio e che stiamo parodiando nello show. Quindi, tutti i miei preferiti, Lerner, Lowe, Loesser, Meredith Willson.

Ann, eri uno di quei ragazzi di teatro a scuola che c'erano in ogni musical?

AH: Sì, e sono ancora un nerd musicale. Al liceo ero Lucy Sei un brav'uomo, Charlie Brown . Ero una delle infermiere Pacifico meridionale . E io c'ero Dolly Levi Il sensale , Non in Ciao Dolly . Se potessi vivere in un musical, lo sarebbe Viale Q , perché ci ho vissuto!

Aaron, il tuo personaggio è chiaramente ispirato da Billy Bigelow Giostra , ma c'erano altri riferimenti musicali classici a cui hai attinto nella tua performance?

AT: Quello è stato sicuramente il principale a cui guardo. È un ruolo che ho sempre voluto interpretare, quindi ho potuto vivere il mio sogno attraverso questo. Il nostro meraviglioso team musicale ha fatto riferimento alla canzone: 'Sono un uomo cattivo, cattivo, da Annie prendi la tua pistola . E il nostro meraviglioso coreografo, Chris Catelli, ne ha aggiunti alcuni Gene Kelly e Judy Garland Uova di Pasqua al mio duetto con Cecily. Quindi sì, puoi guardare questi classici e grandiosi e cercare di essere all'altezza di ciò che hanno fatto prima.

Cecily, cosa c'era di più difficile, cantare o ballare?

CECILY STRONG: Nessuno dei due! Interpreto un ostetrico e quindi stava consegnando il bambino, senza dubbio. Quel giorno, eravamo nella stanza e nessuno di noi sapeva cosa stavamo facendo, e penso che voi ragazzi mi abbiate guardato. Cinco, hai detto 'Ok, allora vai avanti, fai quello che fanno' e io ho detto 'Non so cosa fanno!' quindi quello era più duro. Ballare è stata un po' una sfida finché non ho capito che il mio personaggio non doveva essere ballerino dello stesso calibro delle persone intorno a me, e dovevo essere solo me stesso, un ballerino brillo. E tutti sono stati molto incoraggianti, come puoi immaginare.

Come concili il tuo affetto per i musical con il modo in cui li prendi in giro?

CS: È come prendere in giro qualcuno che ami. Perché ami qualcuno e sei così vicino a lui, sei tipo 'Sai cosa fai, è divertente?'

CP: In realtà è sempre stata pensata per essere solo una lettera d'amore per i musical, ma volevo anche avere un occhio un po' critico e parlare di vederlo fino al 2021, le cose che forse sarebbero volate allora non volano così tanto ora . Ma alla fine, volevo che tutto fosse fatto con affetto. Quindi, anche quando è stato critico, non è mai meschino o non prende facili colpi. È tutto fatto per amore. Questo era il piano.

'Schmigadoon!' debutterà su Apple TV+ il 16 luglio.

Raccomandato

Penny Dreadful: La città degli angeli è quasi salvata da Natalie Dormer
Penny Dreadful: La città degli angeli è quasi salvata da Natalie Dormer

Una recensione della nuova serie Showtime, che debutterà il 26 aprile.

30 cose che mi hanno fatto venire la pelle d'oca: Questlove, Marilyn McCoo e Billy Davis, Jr. in Summer of Soul
30 cose che mi hanno fatto venire la pelle d'oca: Questlove, Marilyn McCoo e Billy Davis, Jr. in Summer of Soul

Un'intervista con il regista Ahmir 'Questlove' Thompson, Marilyn McCoo e Billy Davis, Jr. sul documentario Summer of Soul.

Una vita di epica sofferenza
Una vita di epica sofferenza

Ecco il film più triste che abbia mai visto sulla vita di A

Sundance 2020: Omniboat: A Fast Boat Fantasia, La Leyenda Negra, Beast Beast, I Carry You With Me
Sundance 2020: Omniboat: A Fast Boat Fantasia, La Leyenda Negra, Beast Beast, I Carry You With Me

Un messaggio del Sundance Film Festival su quattro film proiettati nell'eclettica categoria NEXT.