Tom Hanks parla delle riprese nel rigido inverno di Chicago e del fattore intimidatorio di Paul Newman

Interviste

'Allora, com'è stato lavorare Paolo Newman ?'

Questo non è il tipo di domanda che impari alla Great Interviewers' School. Per chiamarlo 'base' è una gentilezza. Ma qualsiasi domanda può essere riscattata da una buona risposta, e Tom Hanks ne ha uno. 'Una volta superato il fattore intimidazione, è stata un'esperienza fantastica'.

Eri intimidito a lavorare con Paul Newman?

'Oh, Landy! Sì, oh sì. Non puoi avere la storia di andarci ai film che ho avuto e che non sarò. Ricordo di essere andato a vedere 'Hud.' E 'The Hustler.' E non c'era un film come 'Apache?' '

'Fort Apache, nel Bronx?'

'Non quello. Ce n'era uno in cui era un mezzosangue. Voglio di' 'Honda'.

' 'Uomini.' '

''Hombre!' È stato un grande film per me.' Quello era il suo periodo H, dissi. 'Hud', 'Hustler', 'Hombre''.

Vedere quei film è stato un grande momento per me. Quindi essere lì sul impostato con lui ... N. 1, è molto più alto di quanto pensi stia andando essere. E il numero 2, quegli occhi. La prima ripresa il primo giorno, io non pensando al mio lavoro, sto pensando: 'Vacca santa! Sono in un film guardando negli occhi di Paul Newman. Come è successo?'

'C'è una teoria, dico io, che nessuno sembra una vera star del cinema a te a meno che non fossero una star quando eri ancora un bambino in crescita su. Se vengono dopo che hai 21 o 22 anni, allora sono solo tuoi contemporanei Ma se li vedessi alle elementari...'

La teoria è giusta', dice Hanks. Al Pacino in una stanza, io no sa cosa dire al signor Pacino. Sean Connery , quando l'ho incontrato per la prima volta Credo di averlo chiamato 'Comandante'. Non c'è proprio modo di aggirarlo. Penso che sia come quando sei una matricola al liceo, e il Gli uomini delle classi superiori sembrano avere 32 anni, e non è prima arrivi lassù ti rendi conto, cosa stavo pensando? Siamo tutti solo un branco di ragazzi stupidi'.

Ma Tom Hanks era sicuramente in un film con Paul Newman, il upperclassman: 'Road to Perdition', che apre venerdì. Hanks lo era a Chicago per la prima mondiale del film, che ha riempito il Chicago Teatro il 25 giugno. Recita nel film come un tutore per il La mafia di Chicago e Newman è il capo che lo tratta come se fosse suo figlio, fino a un certo punto - e poi lo attraversa. Nel film, Hanks ha due figli, Newman ha un figlio, e poi emotivamente Hanks è il figlio di Newman, quindi ci sono tre serie di padri e figli e molto spazio per il tradimento.

'Una cosa che mi sono chiesto, leggendo la sceneggiatura', ha detto Hanks, 'è quella c'è da chiedersi, in una comunità cattolica nel 1931, perché solo loro avere uno o due figli. Ti chiedi se non sentono una maledizione. Dati i loro soldi e la teologia dovrebbero essere sei o sette, forse otto, bambini che corrono in giro. No. Sono solo questi duri, freddi uomini. Le donne in città pensano di essere maledette?'

Il tema delle famiglie torturate e disintegrate non è nuovo per il direttore, Sam Mendes , che ha vinto l'Oscar nel 1999 per il suo ' bellezza americana .' Quello recitato Kevin Spacey come un uomo la cui famiglia lo fa impazzire, e viceversa. Ho parlato con tuo figlio Colin Hanks qualche mese fa, dicevo, quando recitava in ' Orange County Quindi c'è un figlio che entra nell'azienda di famiglia, ma 'Road to Perdition' parla di un padre che non vuole suo figlio nell'azienda.

La tua stessa paternità ha influenzato ciò che fai nel film?

'Penso che ci siano periodi in cui sei un padre', ha detto, 'quando davvero l'unica cosa che hai sono i rimpianti. Tutto il meraviglioso le qualità dei tuoi figli sono misteri per te e tutto ciò che puoi vedere lo è il modo in cui hai segnato, ustionato o in qualche modo trascurato quei ragazzi. La sensazione passa, ma è vero. Se hai omesso un momento, se hai saltato un giorno, non lo riavrai mai più'.

Questo è stato il tuo terzo film girato a Chicago, dopo ' Niente in comune ' e ' Una lega a sé stante .'

'E un po' di 'Insonne a Seattle'. Ma questa era la prima volta in inverno. Faceva così freddo. Stavamo girando una scena con neve vera, neve e pioggia finte. Lo fai tutta la notte ed è difficile. Ecco perché quei cappotti sono così grandi e pesanti, e perché i cappelli hanno tese così grandi. Si vestono per il clima con una sensibilità Gortex dell'era della Depressione. '

Parlare di Chicago mi ricorda l'attuale successo al botteghino ' Il mio grosso grasso matrimonio greco .' È iniziato come uno spettacolo personale di Nia Vardalos , un'attrice di Second City che ha parlato di essere greca e single a 30 anni.

Il film è stato prodotto da Hanks e dalla moglie greco-americana, attrice Rita Wilson .

'Nia ha messo in scena questo spettacolo e ha messo insieme i soldi per una pubblicità il le dimensioni di un francobollo del Los Angeles Times,” aiuta Hanks, “e Rita ha detto che doveva andare a vedere lo spettacolo. È tornata dicendo che lo era divertente e dovevo vederlo. E l'abbiamo adorato e Nia l'aveva già fatto stavo lavorando a una sceneggiatura, quindi l'abbiamo aiutata a trasformarla in una film - e se lo guardi in proporzione, è uno dei più film redditizi dell'anno, perché se costano X soldi da fare, ha incassato quattro volte X. Se lo guardi dal percentuali--ehi, è proprio lì con 'Via col vento'. '

Raccomandato

Osservazioni di uno scettico sulla stagione dei premi, parte terza: La bassa scintilla della stanchezza da Oscar pre-Oscar
Osservazioni di uno scettico sulla stagione dei premi, parte terza: La bassa scintilla della stanchezza da Oscar pre-Oscar

Pronostici di Oscar e un commento sullo stato generale di malessere deluso che sembra prendere il sopravvento sui blogger di Oscar in questo periodo dell'anno.

TIFF 2014: Scavare un po' più a fondo con 'The Last Five Years', 'Paper Planes', 'The Reach'
TIFF 2014: Scavare un po' più a fondo con 'The Last Five Years', 'Paper Planes', 'The Reach'

Un rapporto su TIFF 2014, con 'The Last Five Years', 'Paper Planes' e 'The Reach'.

Boia
Boia

Un knock-off di Cheapo Seven che si sarebbe tentati di suggerire è al di sotto del talento di tutte le persone coinvolte, ma sapevano in cosa si stavano cacciando quando l'hanno letto.

Il re della commedia
Il re della commedia

'Il re della commedia' di Martin Scorsese è uno dei film più aridi, dolorosi e feriti che abbia mai visto. È difficile credere che Scorsese ce l'abbia fatta; invece della vita in una grande città, della violenza e della sessualità dei suoi film come 'Taxi Driver' e 'Mean Streets', quello che abbiamo qui è un ritratto agonizzante di persone sole e arrabbiate con le loro emozioni tutte strettamente represse. Questo è un film che sembra pronto ad esplodere, ma in qualche modo non lo fa mai.

Uno schema distintivo: il leggendario costumista Sandy Powell in 'Wonderstruck'
Uno schema distintivo: il leggendario costumista Sandy Powell in 'Wonderstruck'

Un'intervista con la costumista tre volte vincitrice di Oscar Sandy Powell sul suo lavoro nel nuovo film di Todd Haynes, 'Wonderstruck'.

NYFF 2014: I film del weekend di apertura 'La Sapienza' e 'Gone Girl' mostrano la profondità artistica del Fest
NYFF 2014: I film del weekend di apertura 'La Sapienza' e 'Gone Girl' mostrano la profondità artistica del Fest

Questo è un dispaccio sul primo fine settimana del NYFF 2014, tra cui 'La Sapienza' di Green e 'Gone Girl' di Fincher.