Svegliarsi dal sogno di Guy Maddin

Roger Ebert

Da Rhys Southan, Brooklyn, New York:

ne ho visti quattro Guy Maddin film ora - 'Il crepuscolo delle ninfe di ghiaccio', 'Attenzione', ' La musica più triste del mondo ,' e ' Il mio Winnipeg '. 'Twilight of the Ice Nymphs' è stato il mio primo incontro con la visione unica di Maddin, e lo definirei ancora il mio preferito di quelli che ho visto, anche se mi sono piaciuti tutti. I suoi film sono come sogni, ma non come ascoltare il sogno di qualcun altro; guardando un film di Guy Maddin, ti senti quasi come se stessi facendo questo sogno tu stesso.

Ho trovato 'My Winnipeg' incantevole fin dall'inizio. Ma c'è stato un segmento in cui ho sentito che Maddin interrompeva la trance a favore di un approccio più standard. Questo è il suo lungo sfogo contro la demolizione da parte di Winnipeg di una vecchia arena di hockey su ghiaccio a favore di una moderna con sponsorizzazione aziendale (tradimento!). Il film parla di lui che tenta di sfuggire a Winnipeg e alla tirannia del luogo, della memoria e del grembo, quindi radere al suolo questo pezzo del suo passato non dovrebbe aiutarlo nella sua ricerca? L'unico modo per sfuggire a Winnipeg è distruggerlo. Per uscirne dovrà smontarlo pezzo per pezzo, come i ricordi sotto il sole eterno della mente immacolata. O almeno, pensavo che potesse andare da qualche parte in quel modo. Invece, lo presenta come farebbe qualsiasi sincero regista di documentari: non è un peccato che stiano demolendo qualcosa di vecchio per qualcosa di nuovo?

Durante quel segmento, mi sentivo come se mi fossi svegliato dal sogno. Fortunatamente, le teste di cavallo congelate mi hanno riportato sotto.

Raccomandato

Osservazioni di uno scettico sulla stagione dei premi, parte terza: La bassa scintilla della stanchezza da Oscar pre-Oscar
Osservazioni di uno scettico sulla stagione dei premi, parte terza: La bassa scintilla della stanchezza da Oscar pre-Oscar

Pronostici di Oscar e un commento sullo stato generale di malessere deluso che sembra prendere il sopravvento sui blogger di Oscar in questo periodo dell'anno.

TIFF 2014: Scavare un po' più a fondo con 'The Last Five Years', 'Paper Planes', 'The Reach'
TIFF 2014: Scavare un po' più a fondo con 'The Last Five Years', 'Paper Planes', 'The Reach'

Un rapporto su TIFF 2014, con 'The Last Five Years', 'Paper Planes' e 'The Reach'.

Boia
Boia

Un knock-off di Cheapo Seven che si sarebbe tentati di suggerire è al di sotto del talento di tutte le persone coinvolte, ma sapevano in cosa si stavano cacciando quando l'hanno letto.

Il re della commedia
Il re della commedia

'Il re della commedia' di Martin Scorsese è uno dei film più aridi, dolorosi e feriti che abbia mai visto. È difficile credere che Scorsese ce l'abbia fatta; invece della vita in una grande città, della violenza e della sessualità dei suoi film come 'Taxi Driver' e 'Mean Streets', quello che abbiamo qui è un ritratto agonizzante di persone sole e arrabbiate con le loro emozioni tutte strettamente represse. Questo è un film che sembra pronto ad esplodere, ma in qualche modo non lo fa mai.

Uno schema distintivo: il leggendario costumista Sandy Powell in 'Wonderstruck'
Uno schema distintivo: il leggendario costumista Sandy Powell in 'Wonderstruck'

Un'intervista con la costumista tre volte vincitrice di Oscar Sandy Powell sul suo lavoro nel nuovo film di Todd Haynes, 'Wonderstruck'.

NYFF 2014: I film del weekend di apertura 'La Sapienza' e 'Gone Girl' mostrano la profondità artistica del Fest
NYFF 2014: I film del weekend di apertura 'La Sapienza' e 'Gone Girl' mostrano la profondità artistica del Fest

Questo è un dispaccio sul primo fine settimana del NYFF 2014, tra cui 'La Sapienza' di Green e 'Gone Girl' di Fincher.