Sundance 2020: Acasa, la mia casa, C'era una volta in Venezuela

Festival e premi

Il viaggio di una famiglia di shock culturale che si estende per molti anni e le vite di diversi membri, 'Acasa, My Home' riguarda la mancanza di libertà che deriva dall'essere civilizzati senza virgolette. Il regista Radu Ciorniciuc ha raccolto una cronologia di ciò che accade a una famiglia quando viene rimossa dal loro mondo appartato in una palude rumena, dopo che la burocrazia ha trasformato la loro terra in un parco statale e li ha costretti a trasferirsi in città. Poiché la vita di alcuni membri della famiglia cambia drasticamente negli 86 minuti di durata del documentario, il film lotta con ciò che è naturale per stare al passo con la società moderna.

“Acasa, My Home” inizia con momenti di armonia. Un branco di ragazzini di diverse età che giocano vicino a una palude, affrontandosi tra canneti e fango. La loro casa, non lontana da un lago e ricoperta di spazzatura e chissà cosa, non sembra affatto abitabile: una baracca tra i canneti condivisa con due genitori e innumerevoli animali. Tuttavia, non c'è la sensazione che qualcuno nella famiglia Enache si senta intrappolato in questa esistenza; alcuni di loro hanno conosciuto questo posto solo come la loro vita. Ogni volta che la telecamera di Ciorniciuc riprende uno dei figli che pescano sull'acqua, emerge un'immagine sorprendente: in primo piano, un ragazzo pesca nell'oscurità, con solo una torcia per aiutarlo a vedere sull'acqua. Sullo sfondo, ciminiere accese in piedi uno accanto all'altro, una parte di un mondo che è lontano, ma possiamo sentire invadere la famiglia.

Come il film della prima serata di quest'anno ' Il pittore e il ladro ”, questo è il tipo di documentario che si sente per la maggior parte pronto per il viaggio e utilizza passaggi di tempo bruschi ma distinguibili per esprimere i suoi punti più importanti su come sono cambiati i suoi soggetti. Le persone in questo avvincente film cambiano molto (e sarebbe un disservizio menzionare come), ma è particolarmente distinto il modo in cui la famiglia passa dall'essere un'unità (di nove figli) che rimane unita ad alcuni membri che ottengono i propri archi narrativi. All'inizio del film, il burbero padre Gica minaccia durante una delle sue grandi 'scene' di darsi fuoco per protesta, davanti ai funzionari del parco; più tardi, quando viene ridotto a più un personaggio di sfondo, Gica è sdraiato su un divano, potente solo quanto la sua capacità di urlare.

“Acasa, la mia casa” descrive anche il vantaggio dell'istruzione, dato che Gica ha ricevuto alcuni, ma poi ha cresciuto nove analfabeti analfabeti. ('Voi bambini non avete bisogno di questa merda', dice Gica in una prima sequenza nella palude, quando lancia un libro appena donato nell'unico forno della baracca.) Vediamo i ragazzi imparare a leggere e scrivere, e questo Questo ha un significato complesso per le opportunità che vengono loro aperte. Il film rileva anche, con una specifica mancanza di concentrazione sulle donne nel nuovo angusto appartamento di Enache, come alle femmine della famiglia non vengano date le stesse opportunità dei maschi a causa dei ruoli che sono stati continuati dalla palude. L ''eroe' del film, va notato, è un'assistente sociale di nome Mihaela. Aiuta a tenere sotto controllo la famiglia e i burocrati.

L'approccio di Ciorniciuc come editore è in gran parte fornire informazioni su come fratelli diversi hanno la loro maggiore età parallelamente a questo shock culturale, come se catalogassero esperienze diverse (ecco cosa succede quando affrontano la polizia, o incontrano la cultura dello schermo, ecc.) . Di tanto in tanto, Ciorniciuc include un succinto dibattito tra i membri della famiglia che mette sul tavolo molte delle idee del film, come quando uno dei figli si ribella a Gica per tutto quello che non ha fornito ai suoi figli mentre vivevano in isolamento. La famiglia non cresce tutta insieme e le ramificazioni del loro shock culturale sono spesso affascinanti.

Tuttavia, mentre il film fornisce un viaggio emotivo nel vedere le persone a cui tieni a cuore il cambiamento, i continui casi di scoperta di Enache non ci aiutano a vedere il mondo in un modo nuovo. E il finale arriva semplicemente, per quanto simmetrico possa essere. Posso facilmente immaginare che le persone vedano questo documentario come motivo di infinite discussioni sui suoi numerosi scenari di natura contro educazione, o come un caso aperto e chiuso, sul guardare le persone che si confrontano con le condizioni della società moderna. Ma ovunque ti lasci, 'Acasa, My Home' alla fine prevale nel trasmettere numerosi cambiamenti esterni e interni per l'Enaches, i suoi numerosi passaggi volanti in grado di parlare da soli.

In competizione anche nella categoria World Cinema Documentary, ' C'era una volta in Venezuela ” parla del significato di un piccolo villaggio chiamato Congo Mirador, un tempo vivace centro di pescatori composto da case su palafitte sull'acqua. Il villaggio è pieno di cittadini orgogliosi, come indicato da tutte le riprese del film di tutti che bazzicano sulle loro isole baracche, festeggiano di notte o si fanno strada l'un l'altro in barca. Il documentario di Anabel Rodríguez Ríos è affettuosamente incorniciato dalle canzoni di un vecchio, che strimpella una chitarra e canta canzoni stravaganti mentre a volte induce lo spettatore a una vita più prospera per se stesso e per il Venezuela. Aggiunge un senso di desiderio a questo microcosmo di come il governo può dimenticare i luoghi più piccoli e li lascia marcire.

Ríos ha molto accesso alle persone in questa remota parte del Venezuela e trascorre molto tempo a catturarle durante i giorni normali o in occasioni speciali. Uno dei suoi personaggi principali è un'insegnante di nome Natalie, che deve investire i propri soldi per mantenere lo spazio scolastico limitato e le forniture che ha, e si sente minacciata dal pesce grosso della comunità, Tamara. Prende rapidamente in carico un nuovo progetto per combattere la sedimentazione che sta distruggendo parti delle case della zona, ma fa anche parte di una campagna di corruzione per le elezioni della nazione, offrendo una grande quantità di denaro alla gente per votare per un candidato chavista.

'C'era una volta in Venezuela' ci porta sulle barche con questi residenti; a volte Ríos interviene anche con una domanda, ma si tratta principalmente di guardare queste vite svolgersi. In una delle scene più inquietanti e rivelatrici, Ríos e il direttore della fotografia John Márquez guardano un concorso di bellezza di ragazze del Congo Mirador, un momento inquietante usato per mostrare cosa ci si aspetta dalle donne in questa comunità, soprattutto perché i 'personaggi' principali della sua storia sono donne diverse che rappresentano cittadini diversi di vario potere. Con il peggioramento delle condizioni del Congo Mirador, Ríos stabilisce un motivo malinconico di persone che devono fare i bagagli e trasferirsi, le loro case che galleggiano sotto due barche (il pavimento strappato), dirette verso una destinazione sconosciuta.

A sua volta, il film di Ríos è visivamente coinvolgente per la comunità e il suo passare del tempo, anche se ti fa desiderare di sapere di più sulla gente di Congo Mirador, specialmente quelli che si ripresentano nel suo montaggio e che possono tendere a saltellare. Come Natalie, ad esempio, non sono dettagliati dalla propria storia di vita, quanto forniscono esempi di questa corruzione che minaccia tutte le istituzioni in qualsiasi comunità. Ríos spesso vuole che ci connettiamo con queste persone attraverso ciò che rappresentano, invece di permetterci di connetterci attraverso le loro vite individuali e poi costruire da lì.

La persona che conosciamo di più è Tamara, una super fan di Hugo Chavez che esegue la maggior parte delle sue decisioni da un'amaca oscillante, con il cellulare sempre in mano. Fornisce l'esperienza stimolante che desideri da un documentario come questo, in cui una figura polarizzante sperimenta un'ottovolante di autocoscienza e la dedizione e il rispetto di un regista per il proprio soggetto ne coglie ogni fase. Tamara scopre, in un modo o nell'altro, di non essere l'unico politico a guidare con interesse personale.

Raccomandato

Osservazioni di uno scettico sulla stagione dei premi, parte terza: La bassa scintilla della stanchezza da Oscar pre-Oscar
Osservazioni di uno scettico sulla stagione dei premi, parte terza: La bassa scintilla della stanchezza da Oscar pre-Oscar

Pronostici di Oscar e un commento sullo stato generale di malessere deluso che sembra prendere il sopravvento sui blogger di Oscar in questo periodo dell'anno.

TIFF 2014: Scavare un po' più a fondo con 'The Last Five Years', 'Paper Planes', 'The Reach'
TIFF 2014: Scavare un po' più a fondo con 'The Last Five Years', 'Paper Planes', 'The Reach'

Un rapporto su TIFF 2014, con 'The Last Five Years', 'Paper Planes' e 'The Reach'.

Boia
Boia

Un knock-off di Cheapo Seven che si sarebbe tentati di suggerire è al di sotto del talento di tutte le persone coinvolte, ma sapevano in cosa si stavano cacciando quando l'hanno letto.

Il re della commedia
Il re della commedia

'Il re della commedia' di Martin Scorsese è uno dei film più aridi, dolorosi e feriti che abbia mai visto. È difficile credere che Scorsese ce l'abbia fatta; invece della vita in una grande città, della violenza e della sessualità dei suoi film come 'Taxi Driver' e 'Mean Streets', quello che abbiamo qui è un ritratto agonizzante di persone sole e arrabbiate con le loro emozioni tutte strettamente represse. Questo è un film che sembra pronto ad esplodere, ma in qualche modo non lo fa mai.

Uno schema distintivo: il leggendario costumista Sandy Powell in 'Wonderstruck'
Uno schema distintivo: il leggendario costumista Sandy Powell in 'Wonderstruck'

Un'intervista con la costumista tre volte vincitrice di Oscar Sandy Powell sul suo lavoro nel nuovo film di Todd Haynes, 'Wonderstruck'.

NYFF 2014: I film del weekend di apertura 'La Sapienza' e 'Gone Girl' mostrano la profondità artistica del Fest
NYFF 2014: I film del weekend di apertura 'La Sapienza' e 'Gone Girl' mostrano la profondità artistica del Fest

Questo è un dispaccio sul primo fine settimana del NYFF 2014, tra cui 'La Sapienza' di Green e 'Gone Girl' di Fincher.