Sundance 2019: David Crosby: Ricorda il mio nome, Marianne e Leonard: Parole d'amore, amore Antosha

Festival e premi

Un trio di bio-documenti è stato presentato in anteprima al Sundance quest'anno, descrivendo in dettaglio le storie dietro tre artisti selvaggiamente diversi: David Crosby, Leonard Cohen , e Anton Yelchin . I vari approcci alle loro storie di vita costituiscono uno studio interessante su come gli artisti realizzano documentari su altri artisti.

Il passo per 'David Crosby: ricorda il mio nome' è davvero semplice – “ Cameron Crowe e David Crosby chiacchierano per 95 minuti. Il regista ha intervistato Crosby per quelli che sembrano essere diversi giorni, discutendo della sua intera vita e pungolandolo delicatamente con domande su alcuni dei problemi che lo hanno perseguitato nel corso degli anni, incluso l'abuso di droghe e il fatto che praticamente tutti quelli con cui ha mai lavorato pensano è uno stronzo. 'Remember My Name' vira innegabilmente verso l'agiografia, ma si potrebbe sostenere che Crowe e il regista A.J. Eaton sostiene con successo che Crosby è una voce creativa che merita un po' più di adorazione dell'eroe nella nostra cultura pop.

Come tanti bio-documentari rock, “Remember My Name” colpisce i ritmi cronologici di una vita complessa, dai primi giorni di Crosby con i Byrds fino al successo di CSNY, alla sua relazione con Joni Mitchell , la sua pesante sperimentazione di droghe e persino la sua recente rinascita creativa. Il film adotta un tono simile e rilassato come argomento, probabilmente più interessante quando segue Crosby nei suoi ritrovi quotidiani più che quando deve scendere al 'lavoro da svolgere'. Manca un po' di intuizione profonda, spesso si sposta rapidamente su questioni più difficili, ma questo rispecchia il tono del suo soggetto, che sembra essere in un punto della sua vita in cui può guardare indietro a mezzo secolo di influenza musicale con la saggezza che deriva dall'età ma non necessariamente il rimpianto. David Crosby ha fatto quello che ha fatto - e molto di quello che ha fatto ha ancora un effetto a catena sulla musica - e puoi amarlo o odiarlo o non pensare che valga la pena di un documentario. Continuerà a farlo.

Il legame personale di Crowe con Crosby mette chiaramente in luce 'Remember My Name', ma la storia tra il regista e il soggetto è ancora più importante in Nick Broomfield 'S 'Marianne e Leonard: parole d'amore' l'ultimo dal veterano documentarista di musicisti che includono Tupac Shakur , Kurt Cobain , e Whitney Houston . Trasforma la sua forma qui nella vita del leggendario Leonard Cohen, ma c'è un angolo unico che è anche distintamente Broomfield. Il regista spesso prende un po' di calore per inserirsi nei suoi film in misura esorbitante, ma qui è organico e perdonabile dato che era vicino a Leonard Cohen e Marianne Ihlen, apparendo anche in alcuni dei filmati d'archivio del film. È probabilmente il suo film più personale fino ad oggi, e la cosa più sorprendente potrebbe essere che gli ci è voluto così tanto tempo per realizzarlo.

“Marianne & Leonard” è la storia di un artista e di una musa ispiratrice. Leonard Cohen ha scritto 'So Long, Marianne' e 'Bird on a Wire' direttamente su Marianne Ihlen, la donna che ha incontrato in un'età formativa cruciale e di cui si è innamorato perdutamente. Si sono ispirati a vicenda su un'isola greca chiamata Hydra, un luogo magico in cui il film di Broomfield ritorna regolarmente, e un luogo che il regista ha visitato da giovane e ha trascorso del tempo con Ihlen, che in realtà lo ha ispirato a girare il suo primo film. Era quello che immagineresti sarebbe stata la vita di un giovane futuro poeta su un'isola greca: giorni di scrittura, alcolismo, droghe, sesso e sole. E in questi giorni si è formato sia l'amore tra Leonard e Marianne, sia quella che sarebbe diventata la sua voce di artista.

E poi è diventato Leonard Cohen Leonard Cohen . Trasferitosi negli Stati Uniti e trasformandosi da autore in musicista con il successo strepitoso di 'Suzanne', la star di Cohen è cresciuta mentre Ihlen è rimasta in Hydra. Troverebbero altre relazioni e avrebbero vite in gran parte separate, ma Broomfield sostiene che sono rimasti la più grande influenza l'uno dell'altro, tracciando abilmente linee da Hydra e Marianne alla musica e alla celebrità di Leonard. Il film può essere un po' goffo – le interviste con le teste parlanti sono sorprendentemente banali, spesso includono il tipo di aneddoti che sono molto più interessanti per gli amici del soggetto che per un estraneo – ma ha un potere emotivo cumulativo, specialmente se ami il lavoro di Cohen tanto quanto faccio. Leonard Cohen e Marianne Ihlen non hanno mai più ritrovato la loro Hydra, ma non sono mai andati davvero lì, morendo a tre mesi di distanza l'uno dall'altro. Il film di Nick Broomfield è una bellissima testimonianza della loro relazione unica e del luogo unico in cui si è formato.

Un altro documento su un argomento che purtroppo non è più con noi è arrivato al Sundance sotto forma di toccante “Amore, Antoscia,” sul lavoro e sulla vita fin troppo breve di Anton Yelchin, morto nel 2016 all'età di 27 anni. Prezzo della soffitta Il sincero sguardo di questo attore alla vita e al lavoro di un attore che sembrava solo ampliare la sua tavolozza mentre invecchiava è comprensibilmente un documento di ciò che è andato perduto, ma serve anche a ricordare l'impatto che si può avere anche in un contesto così piccola finestra temporale. Figlio di immigrati russi, Anton Yelchin ha lavorato a oltre cinque dozzine di film, combattendo contro la fibrosi cistica (ma non dicendo mai a nessuno che lo era) e apparentemente illuminando la vita di tutti coloro che incontrava. È il tipo di giovane che stava semplicemente divorando la vita, assumendo ruoli impegnativi, leggendo letteratura, esplorando il lato oscuro della società. La sua vita è stata interrotta, ma sembra anche che ne abbia ricavato di più di quanto faccia la maggior parte delle persone con tre volte di più.

'Love, Antosha' procede cronologicamente attraverso la vita di Yelchin, tornando regolarmente dai suoi genitori e usando i suoi collaboratori come finestre su dove si trovava Anton nella sua vita mentre girava alcuni film. C'è una testimonianza dell'impatto che Yelchin ha avuto su coloro che lo circondano, incorporato nelle persone che parlano così amorevolmente di lui in questo documentario. Kristen Stewart e Jennifer Lawrence entrambi sostanzialmente gli attribuiscono il merito di averli cambiati come attrici, e una famosa collaboratrice dopo che una famosa collaboratrice si fa avanti per elogiare un vecchio amico di Chris Pino a Willem Dafoe a John Cho e oltre. Non tutte le giovani star potrebbero produrre una tale parata di lodi da parte di tutti coloro con cui ha lavorato. La sua storia ci ricorda che il duro lavoro e la gentilezza genuina hanno un impatto. Li metti nel mondo e potresti renderlo un posto migliore. Anton Yelchin l'ha fatto.

Raccomandato

The Safe Dark: 'Halloween: The Complete Collection' e 'The Texas Chainsaw Massacre: 40th Anniversary Edition'
The Safe Dark: 'Halloween: The Complete Collection' e 'The Texas Chainsaw Massacre: 40th Anniversary Edition'

Una recensione di due nuovi enormi set regalo horror per 'Halloween' (e i suoi sequel) e 'The Texas Chainsaw Massacre'.

Joanna Hogg su The Souvenir, Dipingere la struttura di un film in acquerelli e altro
Joanna Hogg su The Souvenir, Dipingere la struttura di un film in acquerelli e altro

Un'intervista con la sceneggiatrice/regista Joanna Hogg sul suo nuovo film, The Souvenir.

La frontiera occidentale, tra realtà e leggenda
La frontiera occidentale, tra realtà e leggenda

John Ford e John Wayne insieme hanno creato gran parte della mitologia del Vecchio West che portiamo nella nostra mente. A cominciare da 'Stagecoach' (1939), proseguendo dal 1948 al 1950 con la Cavalry Trilogy ('Fort Apache', 'She Wore a Yellow Ribbon' e 'Rio Grande'), e infine fino al 1962 e 'The Man Who Shot Liberty Valance' ,' insieme in 10 lungometraggi hanno in gran parte formato i modelli del western di Hollywood. Di questi 'Liberty Valance' era il più pensieroso e riflessivo.

I cineasti di Ebertfest, gli esperti affrontano la sfida di 'Reimmaginare il cinema per l'era digitale'
I cineasti di Ebertfest, gli esperti affrontano la sfida di 'Reimmaginare il cinema per l'era digitale'

Ospiti speciali dell'Ebertfest, tra cui Jem Cohen & Haifaa Al-Mansour, discuti delle sfide e dei vantaggi della realizzazione di film nell'era digitale.