Semplicità significa che non c'è nessun posto dove nascondersi: i registi Nick Bruno e Troy Quade su Spie sotto mentite spoglie

Interviste

In un'intervista a Roger Ebert.com , registi di 'Spie travestite'. Nick Bruno e Troia Quane hanno parlato della progettazione del loro nuovo film d'animazione in modo che assomigli ad alcune delle classiche storie di spionaggio della prima era di James Bond, sostituendo le star Tom Holland e Will Smith nella sala di registrazione, e perché le scene di inseguimento e le esplosioni non erano una sfida così grande come una semplice scena di due persone che parlavano.

Parlami delle tue ispirazioni di stile per il look di questo film.

Troy Quane: I film di spionaggio sono sexy, e so che è una cosa strana da dire quando si parla di animazione, ma volevamo solo che quella spavalderia, quella freddezza e quell'atmosfera emergessero. Quindi abbiamo guardato a tutti quei fantastici film di spionaggio degli anni '60 e '70, ma abbiamo anche guardato Saul Bass e quei poster con le linee grafiche, belle e pulite.

Tuttavia, non volevamo davvero che il film sembrasse un ritorno al passato. Volevamo che fosse molto contemporaneo e molto attuale, ma volevamo portare tutti quegli elementi e influenze di design nel nostro mondo. Quindi ci sono molte linee pulite e angoli acuti e composizioni potenti e poi grandi scelte di colori audaci. Per molti dei nostri spunti di illuminazione guarderemmo ai vecchi film in bianco e nero in cui devi essere davvero specifico sulla tua illuminazione. Potresti avere la luce come se provenisse da una finestra proiettata sullo sfondo e ti chiedi 'Dov'è quella finestra?' Non importa perché sembra bella.

Ha un elegante aspetto in vetro martini.

TQ: Il personaggio interpretato da Will Smith, Lance Sterling, è in realtà disegnato sulla base di un bicchiere da martini, con le spalle larghe e la parte superiore del corpo e le gambe sottili come lo stelo di un bicchiere.

È vero che il tuo talento vocale, Tom Holland e Will Smith, non si è mai incontrato?

TQ: Sì, non hanno lavorato insieme. Non si sono nemmeno incontrati fino alla prima. Che è stata una sfida meravigliosa quando stai facendo un film di amici, perché il tipo di film di amici che ci piace sono quelle storie scherzose, comiche e di interazione con la personalità.

Si giocano molto bene l'un l'altro, anche nei ritmi dei loro discorsi e nel modo in cui si interrompono a vicenda. Quindi dimmi come registi, come fai a farlo accadere quando non stanno insieme?

Nick Bruno: Il nostro intero processo ruota attorno alla collaborazione. In genere nei film d'animazione quando leggi un copione e anche quando lo vedi nel film, qualcuno pronuncia una battuta in modo pulito e una persona risponde con una battuta pulita. Ma volevamo davvero quelle battute. Quando vedi le persone che parlano tra loro, si calpestano a vicenda, balbettano, cercano le parole, ed era quello che volevamo nel film.

Quindi andremmo con linee pulite a qualcuno come Will, e lo leggeremmo così com'è, ma poi suoneremmo. Cercheremmo di trovare un modo divertente per aggirare quella scena con un obiettivo chiaro in mente. E poi, quando trovavamo qualcosa, tornavamo da Tom e giocavamo con quelle battute. In questo modo, faremmo altre scoperte, torneremo da Will e andremo avanti e indietro finché non trovi davvero un vero ritmo. Stava davvero trovando un ritmo musicale per quel dialogo. È stato molto divertente e quindi davvero quando capisci che senti l'alchimia e i personaggi si sentono davvero vivi.

TQ: Sì, hanno i lati, hanno le loro battute e noi leggevamo le battute di fronte a loro in modo che avessero qualcosa su cui giocare.

Quindi interpreteresti Tom per Will, poi saresti Will per Tom.

TQ: Esattamente, che era un po' un desiderio egoistico da parte nostra di agire con i ragazzi. Ho portato a casa una registrazione di me stesso che recitavo con Will Smith e l'ho suonata per i miei figli, davvero orgoglioso, e ho detto: 'Papà recita con Will Smith; quanto è bello?' L'hanno ascoltato e hanno detto 'È davvero fantastico, ma papà, sei orribile'. Ma quello che ci ha permesso di fare è che se Will si è improvvisamente ispirato e ha iniziato ad andare fuori pagina, l'avremmo seguito. E poi improvvisavamo avanti e indietro. Sapevamo dove dovevamo andare la scena, ma potevamo permettere loro di esplorare un po'.

Cosa rende qualcuno un grande doppiatore per l'animazione?

TQ: È un set di abilità molto diverso dalla recitazione live-action, ma molto raddoppia. Un buon attore è un buon attore, ma togli molti strumenti dal loro toolkit quando non vedi la loro performance. Stiamo cercando persone che incarnino davvero tutte quelle piccole sfumature del linguaggio perché è l'unico strumento con cui hanno a disposizione per esibirsi. E stiamo cercando qualcuno che sia spontaneo. Il nostro stile di regia è che ci piace avere persone disposte a improvvisare un po' e divertirsi. Il nostro compito è rendere quella stanza confortevole in modo che si sentano come se potessero proiettare un po', perché è un ambiente sterile per un attore in una cabina sonora. Quindi, proviamo a creare l'atmosfera e impostare la storia.

NB: E quelle piccole sfumature di cui parla Troy lo fanno davvero sentire sincero. Quella sincerità è così importante. È così difficile quando stai solo leggendo una riga: può sembrare una riga letta. In effetti, quando guardi molti film d'animazione, la mia lamentela è che ti senti come se ci fosse qualcuno in una cabina che legge.

Ci sono un sacco di fantastici gadget nel film. Quale vorresti avere nella vita reale?

NB: Oh, direi lo scintillio del gattino che fa sentire le persone al sicuro e felici. Ma poi c'è una parte di me che dice: 'Ho abbastanza glitter a casa mia così com'è'. Ma adoro l'idea di come potrebbe effettivamente funzionare perché si basa su una vera scienza; rilascia serotonina quando lo vedi. Ti senti felice e riduce la tua aggressività. In realtà c'è una certa convinzione che alcune di quelle cose possano funzionare, quindi quando lo vedo vedo speranza.

TQ: Per me sono le multipenne a mani basse perché anche da bambino quelle penne multicolori erano un oggetto ambito nell'astuccio di tutti. Premi un pulsante ed è arancione, un altro ed è verde. Erano le più belle e potevi scrivere ogni lettera con un colore diverso. Walter ha preso quella bella idea e nella sua penna multipla ogni colore è un gadget. Non sai mai che tipo di cosa eccitante ne uscirai.

Tra tutti gli animali, perché trasformare la tua spia in un piccione?

NB: Beh, in origine, c'era un piccione nel cortometraggio 'Pigeon Impossible', che ha ispirato questo film. Ma quando inizi a trasformarlo effettivamente in un film, stai ancora guardando qual è l'animale migliore per un film di spionaggio. Quando fai i compiti, i piccioni lo sono davvero.

TQ: Tutti quei fatti sulla natura nel film sui piccioni sono reali.

NB: i piccioni volano davvero fino a 90,7 miglia all'ora e possono vedere a una velocità maggiore di quella che l'occhio umano può vedere, quindi è come un piccione al rallentatore. Possono davvero vedere quasi fino a una visione a 360 gradi, motivo per cui non puoi avvicinarti di soppiatto a loro e sono in tutte le principali città del mondo.

TQ: È un'ottima copertura per una spia, ma oltre a questo il film parla di Lance Sterling, la più grande spia del mondo; questo ragazzo è fantastico ma vola da solo. Non lavora bene con gli altri, non si fida delle persone, non ripone la sua fiducia nelle persone. Pensa di essere più forte da solo. Quindi parte del trasformarlo in un piccione è stato strappare via tutta quella straordinaria fisicità, trasformandolo in questo piccolo e soffice animaletto. Ma l'altra cosa dei piccioni è che sono un animale da gregge, quindi per natura vogliono radunarsi. Vogliono stare insieme. In definitiva, questa è la storia tematica che Lance deve imparare. Si rende conto anche in questa forma di essere più forte perché ha l'aiuto degli altri intorno a lui. Quindi, era una dualità di fantastiche abilità di spionaggio in un piccione, ma funzionava anche tematicamente per il personaggio di Lance.

Una scena del film ha un uomo molto grande che deve essere spostato dopo che tutte le sue ossa si sono temporaneamente sciolte. Qual era il tuo modello per l'esuberanza, la circonferenza e il peso di quel corpo enorme e non strutturato?

NB: Era una combinazione: letto ad acqua e quei sac a poche che usi per la glassa nella decorazione delle torte.

TQ: Abbiamo anche avuto la grande idea di coprire il suo corpo con dei tatuaggi, il che sembra fantastico ma è quasi impossibile rimanere dritto quando viene spinto in giro come un gigantesco pallone d'acqua.

È stata quella la tua sfida tecnologica più difficile?

NB: Stiamo creando un film di spionaggio, quindi c'erano così tante sfide tecniche: provare a fare scene di inseguimenti in macchina e costruire Venezia e creare esplosioni. Ma si trattava davvero di una sfida non tecnica che era la nostra cosa più difficile. C'è solo una scena in cui Lance e Walter si incontrano su uno yacht e ci sono solo due personaggi che parlano delle loro filosofie opposte e ogni parola contata. Non c'è niente che distolga la tua attenzione. Era così importante trasmettere quel messaggio. Era qualcosa su cui dovevamo lavorare, lavorare e lavorare ed era la cosa più difficile per noi, ma penso che se dovessi chiedere al resto dello studio sarebbe stato il resto del film.

TQ: Abbiamo 550 dei migliori artisti del mondo a Blue Sky, quindi dici 'Ecco una sfida' e sai che lo risolveranno. Ma penso che il concetto di semplicità sia il più impegnativo perché vogliamo quello stile grafico che abbiamo semplificato nei nostri uccelli e nelle ali degli uccelli. Sembra che dovrebbe essere più facile, ma la semplicità significa che non c'è nessun posto dove nascondersi, sia nell'aspetto che nella narrazione.

Raccomandato

Osservazioni di uno scettico sulla stagione dei premi, parte terza: La bassa scintilla della stanchezza da Oscar pre-Oscar
Osservazioni di uno scettico sulla stagione dei premi, parte terza: La bassa scintilla della stanchezza da Oscar pre-Oscar

Pronostici di Oscar e un commento sullo stato generale di malessere deluso che sembra prendere il sopravvento sui blogger di Oscar in questo periodo dell'anno.

TIFF 2014: Scavare un po' più a fondo con 'The Last Five Years', 'Paper Planes', 'The Reach'
TIFF 2014: Scavare un po' più a fondo con 'The Last Five Years', 'Paper Planes', 'The Reach'

Un rapporto su TIFF 2014, con 'The Last Five Years', 'Paper Planes' e 'The Reach'.

Boia
Boia

Un knock-off di Cheapo Seven che si sarebbe tentati di suggerire è al di sotto del talento di tutte le persone coinvolte, ma sapevano in cosa si stavano cacciando quando l'hanno letto.

Il re della commedia
Il re della commedia

'Il re della commedia' di Martin Scorsese è uno dei film più aridi, dolorosi e feriti che abbia mai visto. È difficile credere che Scorsese ce l'abbia fatta; invece della vita in una grande città, della violenza e della sessualità dei suoi film come 'Taxi Driver' e 'Mean Streets', quello che abbiamo qui è un ritratto agonizzante di persone sole e arrabbiate con le loro emozioni tutte strettamente represse. Questo è un film che sembra pronto ad esplodere, ma in qualche modo non lo fa mai.

Uno schema distintivo: il leggendario costumista Sandy Powell in 'Wonderstruck'
Uno schema distintivo: il leggendario costumista Sandy Powell in 'Wonderstruck'

Un'intervista con la costumista tre volte vincitrice di Oscar Sandy Powell sul suo lavoro nel nuovo film di Todd Haynes, 'Wonderstruck'.

NYFF 2014: I film del weekend di apertura 'La Sapienza' e 'Gone Girl' mostrano la profondità artistica del Fest
NYFF 2014: I film del weekend di apertura 'La Sapienza' e 'Gone Girl' mostrano la profondità artistica del Fest

Questo è un dispaccio sul primo fine settimana del NYFF 2014, tra cui 'La Sapienza' di Green e 'Gone Girl' di Fincher.