SDCC 2015: Video intervista a Daniel Junge e Kief Davidson, registi di 'A LEGO Brickumentary'

Festival e premi

È un mondo LEGO, ci viviamo e basta. Con più videogiochi, prodotti con licenza e, naturalmente, nuovi set di giocattoli rilasciati ogni mese, LEGO continua a dominare la cultura dei giocattoli come nessun'altra azienda. Direttori Kief Davidson e Daniele Giovani hanno portato il loro film 'A LEGO Brickumentary', sul fenomeno globale, al Comic-Con di quest'anno e sono stati così gentili da sedersi con noi per un'intervista video.


Durante il Comic-Con di San Diego di quest'anno, i registi di 'A LEGO Brickumentary' si sono seduti per una breve intervista la mattina dopo che il film è stato presentato in anteprima ai partecipanti. Di seguito una trascrizione abbreviata.

Il documentario utilizza diversi acronimi tra cui AFOL (Adult Fans of LEGO) e LUG (Gruppo utenti LEGO) o LEGO Ambassador Network. Nell'intervista, il regista Kief Davidson menziona Bro Lug . Se sei interessato a saperne di più sulle First LEGO Leagues, puoi visitare questo sito web .

Che cosa hai provato quando LEGO ha iniziato questo film e come è cambiato?

Kief Davidson: Per me, l'inizio di questo film ha riacceso il mio interesse per i LEGO. Mi ha incoraggiato non solo a raccogliere il mattone per me stesso, ma a impegnarmi ulteriormente con mio figlio in un modo che non avevamo prima. In genere, compreremmo kit LEGO per nostro figlio e lui gioca da solo. Quello che il film ha fatto per me mi ha incoraggiato a costruire con lui, un'esperienza che crea un forte legame.

E per voi?

Daniel Young: Per me c'era un senso di nostalgia nel film perché i LEGO sono stati una parte importante della mia infanzia. Nel nostro segmento animato, c'è la classica edizione spaziale. Certamente per me quello era un set enorme per me da bambino. Quindi sono entrato con un senso di nostalgia, ma la realizzazione del film mi ha dato più un senso di meraviglia per ciò che è là fuori, quanto è grande questa comunità, quanto è varia e quante cose vengono fatte, il che è stato davvero un occhio. anche per me come regista.

Ho due figlie. Sono più impegnati con il set degli amici. Sono sfacciatamente un fan.

Cosa ti ha sorpreso di più?

DJ: Le riprese sono state continue sorprese. Penso che ogni volta che pensavamo di aprire l'ultima porta, ne apriva una nuova. Intendo la terapia LEGO, c'è una sezione del film che mostra come le persone usano i LEGO in modo terapeutico. Non ne avevo idea. Sapevo della prima LEGO League, ma non ne conoscevo la profondità.

KD: Sono stato semplicemente sbalordito senza sosta per il livello di talento là fuori. Solo ogni volta che andavamo alla convention vedevamo qualcosa che avrebbe semplicemente superato le ultime cose. Ci sono così tante persone, e adulti, che sono molto appassionati di costruzione. In realtà è stata una grande sorpresa quanto siano grandi i fan adulti degli AFOLS. Come si sono incontrati in un modo molto legato e si sono incontrati ogni anno. Una grande comunità si è formata attorno a LEGO.

In che modo SDCC o un comic-con sono diversi da un Brick-con?

KD : Altri mostri qui. È una cosa diversa. Il Comic-Con è iniziato con i fumetti e ora l'industria cinematografica si è infusa in questo. LEGO ha sicuramente una buona parte nel fumetto. Il Comic-Con è la sua stessa bestia. Brick-con è la sua stessa bestia. È LEGO; È tutto LEGO.

DJ : Diresti però che c'è uno spirito condiviso? In questa idea nel creare la tua immagine e creare le tue cose o appropriarsi di un'immagine e massimizzarla. C'è un motivo per cui c'è una sovrapposizione tra queste due comunità.

KD: Quando stavo venendo qui in aereo, il ragazzo dietro di me stava conversando. Stava solo parlando di come una volta all'anno, questo è ciò che attende di più, venire al Comic-Con, travestirsi, vedere i suoi amici, sfoggiare il suo costume. È una cosa simile per le persone LEGO. Questo è qualcosa che viene costruito durante l'anno e le persone trascorrono tutto l'anno costruendo enormi creazioni e possono mostrare se stesse e il proprio lavoro.

Cosa vuoi che le persone portino via dal tuo film?

DJ: Penso che stiamo già ascoltando ciò che non avremmo potuto sperare nei nostri sogni più sfrenati. Non appena le persone se ne sono andate, è successo ieri sera, una mezza dozzina di persone ha detto: 'Voglio costruire'. Vogliono mettere subito le mani su LEGO. Questo è solo un testamento alla gioia che LEGO porta le persone. Questo è un vero onore.

KD : Ispirare, incoraggiare le famiglie a costruire insieme.

Vorresti citare alcune delle cose che non potresti includere?

KD: c'è un capitolo che ho davvero odiato tagliare ma doveva essere fatto, LUG, questi LEGO Gruppi di utenti in tutto il paese. Ora ci sono questi LUG virtuali. Le persone si riuniscono online e costruiscono. Abbiamo presentato un LUG virtuale di ragazzi chiamati BroLUG . Di solito superano se stessi ogni anno con una sorta di scena da incubo post-apocalittica. In diverse convenzioni LEGO. Hanno fatto una scena di una città cyberpunk che mi ha semplicemente sbalordito. Abbiamo seguito quella storia e profilato alcuni dei ragazzi. Rappresentava ciò che i LEGO stavano diventando come comunità, non solo faccia a faccia, ma online.

DJ: Anche quella era una delle mie storie preferite. Era un pezzo forte. Dover tagliare il nostro Prima LEGO League . Ci sono LEGO League in tutti gli Stati Uniti. È una grande storia. Alla fine sembrava che fosse il suo film.

KD: È una sfida per tutti quei registi là fuori realizzare un lungometraggio, perché è quello che dovrebbe essere fatto. Era una storia troppo grande per il nostro film. Questo è per qualcun altro. È stato davvero un onore ed è un po' spaventoso fare questo film perché la responsabilità è così grande, quindi spero che abbiamo fatto bene.


Raccomandato

Mark Harris parla del suo libro 'Five Came Back' e del modo in cui la seconda guerra mondiale ha cambiato Frank Capra, John Ford, John Huston, George Stevens e William Wyler
Mark Harris parla del suo libro 'Five Came Back' e del modo in cui la seconda guerra mondiale ha cambiato Frank Capra, John Ford, John Huston, George Stevens e William Wyler

Matt Zoller Seitz approfondisce con l'autore Mark Harris il suo libro su cinque registi che hanno aiutato lo sforzo bellico nella seconda guerra mondiale.

Cannes 2021 Video n. 3: The Velvet Underground, Val, Onoda, Cow, Where is Anne Frank
Cannes 2021 Video n. 3: The Velvet Underground, Val, Onoda, Cow, Where is Anne Frank

Il terzo video di Chaz Ebert dal Festival di Cannes 2021 presenta una parte della sua chiacchierata con Jason Gorber sulle selezioni di quest'anno.

Unisciti al progetto Coinvolgi mentre celebriamo Jon M. Chu di 'Crazy Rich Asians' il 22 settembre
Unisciti al progetto Coinvolgi mentre celebriamo Jon M. Chu di 'Crazy Rich Asians' il 22 settembre

Un articolo sulla raccolta fondi per il 25° anniversario di Project Involve sabato 22 settembre, in onore del regista di 'Crazy Rich Asians' Jon M. Chu e altri dell'industria dell'intrattenimento.

Prospettive esterne: Craig Robinson e Chad Hartigan su 'Morris dall'America'
Prospettive esterne: Craig Robinson e Chad Hartigan su 'Morris dall'America'

Un'intervista con l'attore Craig Robinson e lo scrittore/regista Chad Hartigan su 'Morris dall'America'.

Il leggendario Tom Savini in una carriera di effetti speciali magici e indimenticabili horror
Il leggendario Tom Savini in una carriera di effetti speciali magici e indimenticabili horror

Un'intervista al maestro degli effetti speciali Tom Savini, che racconta la sua carriera di regista.

Cannes 2022: Schermagliatori, Creature di Dio, Enys Men
Cannes 2022: Schermagliatori, Creature di Dio, Enys Men

Un altro diario dei tempi di un critico a Cannes, con riflessioni sui nuovi film di George Miller e James Gray.