Questo è Steve Coogan

Caratteristiche

Steve Coogan ha un talento per l'autolesionismo. I suoi ruoli migliori sono tutti su di lui, o meglio un riflesso di se stesso che trova divertente, in un modo patetico.

I ruoli americani dell'attore sono per lo più dimenticabili: 'L'indiano nell'armadio', ' Amleto 2 ,' ' Intorno al mondo in 80 giorni '. Ma nella sua nativa Inghilterra, è noto soprattutto come Alan Partridge, conduttore di talk show maldestro e megalomane, un personaggio che è sopravvissuto a più serie grazie alla riserva di insicurezza senza fondo di Coogan. Per essere onesti, Partridge è un versione relativamente indiretta di Coogan. Le somiglianze tra Partridge e i personaggi che Coogan interpreta nei film di Michael Winterbottom sono più sorprendenti, in particolare 'Steve Coogan' in entrambi ' Tristram Shandy: una storia di cazzi e tori ' e ' Il viaggio '. I personaggi che Coogan interpreta per Winterbottom sono parti rifratte di una personalità singolare, quella che Coogan ha coltivato attraverso molte delle sue migliori interpretazioni recenti.

Winterbottom continua a tirare fuori il meglio dalla parodia di Coogan in 'The Look of Love', il suo film biografico sull'ascesa e la caduta del pornografo britannico Paul Raymond. Non è necessario conoscere i ruoli precedenti di Coogan, o la sua reputazione spesso falsata nei tabloid britannici, per ottenere la battuta questa volta, ma aiuta. Nell'ultimo film di Winterbottom, Raymond è deliberatamente ignaro: non vuole esaminare la sua vita, comunque non molto a fondo. Così quando sua figlia Debora ( Imogen Poot ) in overdose, trascorre il resto dei 97 minuti di durata del film distanziandosi e ricordando in modo vuoto la sua vita con lei. Paternità, invecchiare e non diventare famoso come vorrebbe: in 'The Look of Love', questi argomenti sono tutti nella mente di Coogan, come lo erano in 'Tristram Shandy', dove la sua versione immaginaria di Coogan flirta con il suo assistente personale evitando la sua ragazza. Scrivo di 'Tristram Shandy' in Vista e suono , osserva Liese Spencer, 'Winterbottom coinvolge lo spettatore giocando con i personaggi che costituiscono la nostra percezione di 'Steve Coogan'. Quindi vediamo un comico leggermente prezioso, uno shagger amico dei tabloid, un attore desideroso di sfuggire allo stucchevole successo del suo personaggio televisivo molto amato, un amante gentile e un padre distratto'. Sostituisci uno o due nomi propri e la stessa descrizione si applica al ruolo di Coogan in 'The Look of Love'.

'The Look of Love' presenta Steve Coogan nei panni di Tony Raymond come un uomo in crisi. Fugge nel ruolo di impresario del suo personale feudo di strip club e riviste di burlesque a SoHo, ed evita il bagaglio del suo precedente matrimonio con Jean Raymond ( Anna Friel ) gettandosi nella sua relazione con Fiona Richmond (Tamsin Egerton). È una relazione basata sulla convenienza, quindi non dura a lungo. Coogan interpreta spesso questo tipo di ridicolo aspirante Don Juan, come in 'The Trip', dove co-protagonista Rob Brydon lo prende in giro costantemente per il suo bisogno narcisistico di perseguire le donne più giovani. Paragona scherzosamente Coogan a Tom Cruise in ' Missione: Impossibile II ,' dicendo che farebbe di tutto per impressionare una donna, persino arrampicarsi su un armadio con i ramponi. Coogan si spinge oltre, accigliandosi sulla difensiva, 'Io non inseguo [ragazze]... mi fai sembrare Benny Hill', prima di mettere il broncio , 'Sì, beh... tutto è estenuante quando hai superato i 40 anni. Tutto è estenuante alla nostra età.'

Ironia della sorte, i coinvolgimenti romantici sono un aspetto dell'autoironia di Steve Coogan che insiste nel ricordare agli spettatori non è esattamente analogo alla realtà. Ad esempio, Mischa, la ragazza con cui telefona durante 'The Trip', è immaginaria e interpretata dall'attrice Margo Stilley . E in un'intervista con Spencer, Winterbottom dice che Coogan non voleva che sua moglie interpretasse la sua ragazza in 'Tristram Shandy'. 'Perché aveva una moglie da cui aveva divorziato […] Questo tipo di modifiche è stato utile perché hanno chiarito che si tratta di finzione e non in realtà un documentario su Steve Coogan'. Ma Coogan raramente ha messo così tanta distanza tra i suoi personaggi e il suo ego quando si tratta di prendere in giro la sua carriera. Alan Partridge è turbolento e insicuro, sogna sempre un ritorno che non accade mai come vorrebbe. La prima stagione di 'I'm Alan Partridge' si conclude con il personaggio che falsifica la firma di un morto per ottenere un contratto quinquennale con la BBC. Quella gag morbosa rispecchia l'omicidio accidentale che conclude 'Knowing Me, Knowing You with Alan Partridge', la prima uscita da solista di Coogan nei panni di Partridge.

Coogan si scortica solo in modo più rigoroso nei film di Winterbottom. In 'The Trip', sogna di essere preso in giro con lavori irraggiungibili lavorando con tutti, dai fratelli Coen ai Wachowski. E sia in quel film che in 'Tristram Shandy', si allea costantemente con il co-protagonista Rob Brydon. Coogan sminuisce costantemente Brydon, ma, come 'Steve Coogan', invidia lussuriosamente quanto Brydon sia a suo agio con il suo successo relativamente modesto. Dopo che Coogan balbetta che non vorrebbe la carriera 'mediocre' di Brydon, Brydon dice a Coogan: 'Vuoi disperatamente essere preso sul serio'.

Quando si tratta della relazione sullo schermo tra Coogan e Brydon, il confine tra finzione e realtà è presumibilmente molto sottile. ''Mi ha dato del cazzo l'altro giorno', ha detto Coogan a Laura Barton Il guardiano . 'Era un po' ingiustificato, solo perché l'avevo infastidito, e l'ho fatto scusare con me. E sul serio.' Ha continuato: 'Mi piace molto che le persone, tra una risata e l'altra, provino disagio. Non sono sicuro del perché. Rob è meno a suo agio con il disagio. Penso che si allontani dal conflitto, mentre io gravito verso di esso'.

Per chiunque non abbia familiarità con il lavoro di Coogan con Winterbottom, la sua tendenza a farsi avanti potrebbe sembrare evasiva e autoindulgente; ma Coogan sa esattamente cosa sta facendo. In 'Tristram Shandy', ride all'idea di essere più responsabile con i suoi ruoli essenzialmente intervistando se stesso. Coogan, nel ruolo di 'Steve Coogan', viene intervistato da Tony Wilson, il personaggio che Coogan ha interpretato in '24 Hour Party People', la sua prima collaborazione con Winterbottom.

In un'intervista a Varietà Stuart Miller, Coogan gioca contro lo scetticismo dello scrittore scherzando: 'Sfrutto le mie vanità e i difetti del mio personaggio e li esalto ed esagero. È leggermente catartico'. È la qualifica 'leggermente' alla risposta di Coogan che suggerisce che sta strizzando l'occhio piuttosto che deridere il suo pubblico. Vuole che i suoi spettatori siano coinvolti nella battuta, come il modo in cui ha chiamato un recente speciale comico 'Steve Coogan: come Alan Partridge e altri personaggi meno riusciti'. A Barton, Coogan dice che il suo stile di commedia è il suo modo di ''[...] cercare di trovare il significato della vita al di là di una risata scadente', mi dice Coogan. 'Non è cinico, e non fraintendermi , c'è una grande commedia cinica. Ma ci sarà un po' d'amore al suo interno. E se stai facendo qualcosa con un elemento comico e ci metti amore, perversamente, è la cosa più all'avanguardia che puoi fare.''

Quel senso di affetto è appropriato in 'The Look of Love', in particolare nel rapporto comicamente teso di Raymond con Deborah. Raymond vuole sostenerla, rendendola il fulcro di una delle sue riviste musicali altrimenti completamente nude. Ma Raymond è un padre ridicolmente terribile. Quando la sorprende a sniffare coca con un collega, la ammonisce di comprare solo roba della migliore qualità. E quando le brinda al suo matrimonio, scherza: 'Potrebbe non essere doppia D, ma per me sarà sempre tripla D: la mia cara figlia Deborah'. È uno scherzo particolarmente divertente, considerando quanto Coogan abbia combattuto nella vita reale per far sì che i tabloid smettessero di pubblicizzare dove i suoi figli vanno a scuola. Anche quello delle star Wikipedia Page sottolinea che Coogan è un buon padre, o almeno abbastanza bravo da volerlo, '[vivere] a Brighton per essere vicino a Clare, sua figlia dalla sua relazione con l'avvocato Anna Cole'.

Ma proprio come 'Steve Coogan' non può permettersi di essere felice con quello che ha, anche Raymond in 'The Look of Love' non riesce a vedere il suo rapporto con sua figlia per quello che è. Alla fine del film cerca malinconicamente di ricominciare da capo con sua nipote, portandola nello stesso negozio di dolci in cui ha portato Deborah anni fa. Ma non è la stessa cosa, e lui lo sa, guardando dalla sua macchina mentre sua nipote sceglie le torte. Se 'The Look of Love' è una tragicommedia, è solo perché Coogan non riesce a smettere di ridere della propria mancanza di prospettiva.


Simone Abramo è un newyorkese nativo e critico cinematografico freelance il cui lavoro è stato pubblicato da Scudiero , La voce del villaggio e Press Play, dove ha scritto ' Dieci bat-take: le dieci migliori interpretazioni di Batman .'

Raccomandato

Entrando negli spogliatoi: Tyler Hoechlin, Will Brittain e Blake Jenner in 'Everybody Wants Some!!'
Entrando negli spogliatoi: Tyler Hoechlin, Will Brittain e Blake Jenner in 'Everybody Wants Some!!'

Un'intervista con gli attori Tyler Hoechlin, Will Brittain e Blake Jenner, protagonisti di 'Everybody Wants Some!!'

Dissotterrare gli scheletri: John Carpenter in Lost Themes III e Scoring Halloween
Dissotterrare gli scheletri: John Carpenter in Lost Themes III e Scoring Halloween

Un'intervista a John Carpenter sul suo nuovo album di Lost Scores.

Il novizio
Il novizio

Il debutto cinematografico della scrittrice/regista/co-montatrice Lauren Hadaway è un'esperienza sensoriale intima e potente.

Grazia incredibile
Grazia incredibile

Amazing Grace sono due giorni di chiesa battista condensati in 90 minuti e iniettati direttamente nella tua anima.

Viveik Kalra su Accecato dalla luce, Alla scoperta di Bruce Springsteen, Cosa c'è dopo e altro
Viveik Kalra su Accecato dalla luce, Alla scoperta di Bruce Springsteen, Cosa c'è dopo e altro

Un'intervista con Viveik Kalra, che fa il suo debutto come attore nel film ispirato a Bruce Springsteen, Blinded by the Light.