Perché Bigelow ha usato 'Gears of War' e non 'Super Mario Brothers'?

Roger Ebert

Dai regali di Natale di Nathan:

Qualcosa mi ha infastidito di recente. Alla mia seconda visione di ' L'armadietto ferito ' Ho notato un dettaglio curioso. C'è una scena in cui Eldridge gioca a un videogioco. Il videogioco è 'Gears of War', un gioco iper-maschile e adrenalinico su... beh, la guerra. Il gameplay principale si occupa di scontri a fuoco e nascondersi dietro oggetti diversi per evitare di essere colpiti e di morire. Ha un vero focus sulla sopravvivenza e un vero focus sul brivido della lotta. Recentemente ho scritto un piccolo articolo toccando alcuni punti Penso che questo significhi per l'intero film, ma dopo aver esposto le mie idee su alcuni forum, sono stato oggetto di enormi critiche. Uno dei punti principali che le persone hanno criticato è che il mio punto è che credo che Bigelow intendesse intenzionalmente fare una dichiarazione con il gioco. Il mio commento preferito contro di me è stato: 'E anche solo pensare che si trattasse di qualcosa di così deliberato è quasi ridicolo'. Avrebbe potuto scegliere qualsiasi gioco diverso da 'Gears of War'. cioè, perché non far giocare Eldridge a Super Mario? Perché un gioco intitolato 'Gears of War' e non un altro gioco di guerra, come 'Call of Duty'? Ho consolidato la mia argomentazione in tre domande.

1. Perché Eldridge sta giocando a un videogioco?
2. Perché sta suonando 'Gears of War' e non qualcos'altro?
3. Se il videogioco non è importante, perché avere un secondo di messa a fuoco sullo schermo per rappresentare il gioco a cui sta giocando Eldridge?

Se il gioco ha poca o nessuna importanza come alcune persone hanno suggerito, perché includerlo del tutto? Inoltre, sembra esserci un'opposizione alla mia analisi della scelta di 'Gears of War' rispetto agli altri temi esplorati nel film. Dopo questo lungo sfogo, la mia domanda è questa: credi che la scelta di includere 'Gears of War' sia stata intenzionale da parte di Kathryn Bigelow? In secondo luogo, pensi che valga almeno la pena guardare per quanto riguarda le sue implicazioni sui temi e sui messaggi esplorati nel resto del film?

Raccomandato

Ebert recensisce i vincitori dell'Oscar
Ebert recensisce i vincitori dell'Oscar

Uno sguardo ai film, ai registi e alle performance tra i vincitori dell'Oscar 2007:

Gurinder Chadha, Sarfraz Manzoor, Viveik Kalra e Aaron Phagura nel loro film ispirato a Bruce Springsteen, Accecato dalla luce
Gurinder Chadha, Sarfraz Manzoor, Viveik Kalra e Aaron Phagura nel loro film ispirato a Bruce Springsteen, Accecato dalla luce

Un'intervista con i narratori e gli attori dietro il film ispirato a Bruce Springsteen, Blinded by the Light.

SOLUZIONI: Chicago Teens ha posti dove andare quest'estate
SOLUZIONI: Chicago Teens ha posti dove andare quest'estate

Una ristampa di un editoriale nel numero del 25 maggio 2022 del Chicago Sun-Times, di After School Matters che lavora in collaborazione con Boys & Girls Club di Chicago e Union League Boys & Club delle ragazze.

TIFF 2019: La storia personale di David Copperfield, Sound of Metal, Human Capital
TIFF 2019: La storia personale di David Copperfield, Sound of Metal, Human Capital

Considerazioni su tre film del TIFF, tra cui l'ultimo di Armando Iannucci.

Video Intervista: Katherine Waterston, Michael Fassbender e Ridley Scott su 'Alien: Covenant'
Video Intervista: Katherine Waterston, Michael Fassbender e Ridley Scott su 'Alien: Covenant'

Una video intervista con Katherine Waterston, Michael Fassbender e Ridley Scott su 'Alien: Covenant'.

Gioiosamente strano e senza paura: Stephanie Hsu su Tutto ovunque tutto in una volta
Gioiosamente strano e senza paura: Stephanie Hsu su Tutto ovunque tutto in una volta

Un'intervista con Stephanie Hsu, la star di successo di Everything Everywhere All At Once di Daniels.