Nel vedere 'Incontri ravvicinati' per la prima volta

Roger Ebert

Da Louisa Torrance, Austin, Texas:

Le emozioni che sto provando in questo momento dopo aver visto 'Incontri ravvicinati del terzo tipo:'

Sono un ventenne di Austin, in Texas. Non ho nessun genere di film preferito, nessun film preferito, nessun attore preferito. Ogni domanda di questi è soggetta al momento della vita che sono, alla maturità che ho acquisito in questo momento. Sdraiato sul divano del mio primo appartamento da solista, con la mia vestaglia di seta e con una bottiglia di vino comprata dalla mia figa zia, posso dire che questo film è arrivato attraverso il mio schermo, ha spinto una certa parte di me. Quel posto dietro il tuo stomaco dove quando sei innamorato e quella persona non ricambia il tuo amore. Questo ha senso?

Vedo tante emozioni umane nella recitazione, la moglie che lascia il marito, il figlio che piange a cena quando suo padre costruisce uno strano cono con il suo purè di patate. Tutto ciò che le persone vogliono quando amano un'altra persona è capirla, e la moglie improvvisamente non capisce suo marito, sdraiato sotto la doccia con i suoi vestiti addosso. Lei piange. Il figlio non capisce perché suo padre, normalmente sarcastico e sa che tutti, stia giocando con il suo cibo. Lui piange. Questa è una tale affermazione sulle nostre relazioni con gli altri, su quanto sia necessario per noi capirci, come questa incapacità di parlare e di comprendere le azioni di coloro a cui teniamo, possa paralizzarci al punto di andarcene.

La scena in cui il francese fa un segno all'alieno e sorride, e l'alieno risponde e sorride, mi ha portato al punto in cui ho sentito quella spinta in quel punto del mio stomaco. C'è l'epitome della comprensione: un'altra forma di vita che ci parla e noi la ripetiamo. È stato davvero bellissimo. Il padre che entra nella nave, e noi non sappiamo mai quale comunicazione è avvenuta all'interno, è la perfezione. Non ho domande, ho speranza.

Che film incredibile. Davvero incredibile.

Ho solo pensato di condividere.

Raccomandato

Ebert recensisce i vincitori dell'Oscar
Ebert recensisce i vincitori dell'Oscar

Uno sguardo ai film, ai registi e alle performance tra i vincitori dell'Oscar 2007:

Gurinder Chadha, Sarfraz Manzoor, Viveik Kalra e Aaron Phagura nel loro film ispirato a Bruce Springsteen, Accecato dalla luce
Gurinder Chadha, Sarfraz Manzoor, Viveik Kalra e Aaron Phagura nel loro film ispirato a Bruce Springsteen, Accecato dalla luce

Un'intervista con i narratori e gli attori dietro il film ispirato a Bruce Springsteen, Blinded by the Light.

SOLUZIONI: Chicago Teens ha posti dove andare quest'estate
SOLUZIONI: Chicago Teens ha posti dove andare quest'estate

Una ristampa di un editoriale nel numero del 25 maggio 2022 del Chicago Sun-Times, di After School Matters che lavora in collaborazione con Boys & Girls Club di Chicago e Union League Boys & Club delle ragazze.

TIFF 2019: La storia personale di David Copperfield, Sound of Metal, Human Capital
TIFF 2019: La storia personale di David Copperfield, Sound of Metal, Human Capital

Considerazioni su tre film del TIFF, tra cui l'ultimo di Armando Iannucci.

Video Intervista: Katherine Waterston, Michael Fassbender e Ridley Scott su 'Alien: Covenant'
Video Intervista: Katherine Waterston, Michael Fassbender e Ridley Scott su 'Alien: Covenant'

Una video intervista con Katherine Waterston, Michael Fassbender e Ridley Scott su 'Alien: Covenant'.

Gioiosamente strano e senza paura: Stephanie Hsu su Tutto ovunque tutto in una volta
Gioiosamente strano e senza paura: Stephanie Hsu su Tutto ovunque tutto in una volta

Un'intervista con Stephanie Hsu, la star di successo di Everything Everywhere All At Once di Daniels.