Le nostre recensioni Roger preferite: Cloud Atlas

Il diario di Chaz

In festa di Roger Ebert , stiamo ristampando le recensioni e gli articoli preferiti dei nostri scrittori e di altri illustri lettori...

La mia recensione preferita di Roger è di ' Atlante delle nuvole .' Certo, mi piace ' Atlante delle nuvole 'Quindi non dovrebbe sorprendere nessuno che abbia scelto questa epica travolgente. Credo anche che questa recensione di Roger sia eccezionale come il film. Penso che alcuni critici commettano l'errore di credere che debbano avere una risposta, o dovrebbero essere pronti a spiegare un film, ma trovo che la capacità di Roger di apprezzare 'Cloud Atlas' attraverso ciò che non sa, e come non lo sa, non solo come un grande esercizio formale, ma come un rinfrescante bordo di umiltà e vulnerabilità intellettuale che più critici dovrebbe fare affidamento. Sebbene il film sia una macchina per l'empatia, l'empatia deriva solo da una vulnerabilità non solo emotiva, ma anche intellettuale. Questa recensione è la quintessenza di entrambi. — Robert Daniels


Recensione 'CLOUD ATLAS' di Roger Ebert

originariamente pubblicato il 24 ottobre 2012

Anche se stavo guardando 'Cloud Atlas' per la prima volta, sapevo che avrei dovuto vederlo di nuovo. Ora che l'ho visto per la seconda volta, so che mi piacerebbe vederlo una terza volta, ma non credo più che le visualizzazioni ripetute risolvano nulla. Per prendere in prestito la descrizione di Churchill della Russia, 'è un enigma, avvolto in un mistero, dentro un enigma'. Affascina nel momento. È difficile passare da un momento all'altro.

Sicuramente questo è uno dei film più ambiziosi mai realizzati. Il piccolo mondo della critica cinematografica è stato animato da interpretazioni di essa, che si propongono di spiegare qualcosa che sta al di fuori della spiegazione. Qualsiasi spiegazione di un'opera d'arte deve essere trovata in essa, non portata ad essa. Come insegnante di cinema, gli studenti mi dicevano sempre che un film di David Lynch , diciamo, o Warner Herzog, era 'una rivisitazione della vita di Cristo, diciamo, o 'Moby Dick'. 'La mia risposta standard era: forse è semplicemente il raccontarsi.

Eppure 'Cloud Atlas' chiede una spiegazione e sicuramente avrai notato che ho ballato il tip tap intorno all'una. Potrei dirvi che si tratta di sei storie che si svolgono tra gli anni 1849 e 2346. Potrei dirvi che gli stessi attori appaiono in ruoli diversi, interpretando personaggi di razze, generi ed età differenti. Alcuni non sono nemmeno umani, ma fabbricanti. Potrei dirti che la recitazione e il trucco sono così efficaci che spesso non avevo idea se stessi guardando Tom Hanks , Halle Berry o Jim Broadbent . Potrei dirtelo, e che aiuto è?

Potrei dirti che ogni segmento è una rivisitazione della storia contenuta nel precedente. Che la stessa voglia compare in ogni periodo di tempo. Che un motivo ripetuto è che tutte le vite sono collegate da una sete di libertà. Che il film è stato ispirato dal tanto amato romanzo omonimo di David Mitchell . Che nel romanzo le storie sono state raccontate in ordine cronologico, e poi sono tornate indietro dalla fine all'inizio. Che il film trovi le sue connessioni attraverso le ricomparse degli stessi attori in ruoli diversi e si riferisca deliberatamente a una storia dall'interno di un'altra.

Ora sei più saggio? Sto calpestando l'acqua. E ora potrebbe seguire un lunghissimo paragrafo che introduce e descrive i diversi personaggi interpretati dagli attori. Ma ti perderesti lo stesso, perché molte delle esibizioni e dei travestimenti sono così astutamente efficaci. Potrei dirti che il lavoro di Halle Berry come giornalista investigativo della metà degli anni '70 funziona bene per me, e la saggezza nodosa di Tom Hanks come un vecchio che racconta storie è la più impenetrabile.

mi dispero. Penso che vorrai vedere questo film audace e visionario, diretto da Lana Wachowski , Tom Tykwer e Andy Wachowski . Ovunque tu vada dove si riuniscono le persone del cinema, se ne parlerà. Verranno proposte teorie profonde. Qualcuno dirà: 'Non so cosa diavolo ho visto'. Verranno fuori i nomi di Freud e Jung. E ora ti aspetti che scarichi il mistero dall'enigma e ti presenti un bel enigma brillante?

A volte la chiave di un film può essere suggerita da un altro. Sappiamo che il titolo si riferisce ai primi disegni delle forme e del comportamento delle nuvole. Non molto tempo fa ho visto un film svedese, ' Simone e le querce ,' su un ragazzo che sogna ad occhi aperti che ha stretto un legame con una quercia. Nelle sue membra, giaceva leggendo libri di fantasia e poi lasciava che i suoi occhi si posassero sulle nuvole sopra la sua testa. Mentre leggeva un libro sui vagabondi del deserto, il le nuvole sembravano prendere forma come una spettrale carovana di cammelli in processione attraverso il cielo.

Non sono mai stato annoiato da 'Cloud Atlas'. Alla mia seconda visione, ho rinunciato a qualsiasi tentativo di elaborare le connessioni logiche tra i segmenti, le storie e i personaggi. L'importante era liberare la mente per giocare. Le nuvole non sembrano davvero cammelli o velieri o castelli nel cielo. Sono semplicemente un processo naturale al lavoro. Così, forse, lo sono anche le nostre vite. Poiché abbiamo la mente e le nuvole no, desideriamo la libertà. Questa è la forma che assumono i personaggi di 'Cloud Atlas' e come tentano di dirigere i nostri pensieri. Qualsiasi tentativo concreto e fattuale di inchiodare il film a fatti freddi, per dirti cosa 'significa', è inutile quanto cercare di costruire un'arancia meccanica.

Ma, oh, che film è questo! E che dimostrazione delle qualità magiche e oniriche del cinema. E che opportunità per gli attori. E che salto di qualità dei registi, che si liberano dalle catene della continuità narrativa. E poi la saggezza del vecchio che fissa le fiamme ha perfettamente senso.

Raccomandato

Osservazioni di uno scettico sulla stagione dei premi, parte terza: La bassa scintilla della stanchezza da Oscar pre-Oscar
Osservazioni di uno scettico sulla stagione dei premi, parte terza: La bassa scintilla della stanchezza da Oscar pre-Oscar

Pronostici di Oscar e un commento sullo stato generale di malessere deluso che sembra prendere il sopravvento sui blogger di Oscar in questo periodo dell'anno.

TIFF 2014: Scavare un po' più a fondo con 'The Last Five Years', 'Paper Planes', 'The Reach'
TIFF 2014: Scavare un po' più a fondo con 'The Last Five Years', 'Paper Planes', 'The Reach'

Un rapporto su TIFF 2014, con 'The Last Five Years', 'Paper Planes' e 'The Reach'.

Boia
Boia

Un knock-off di Cheapo Seven che si sarebbe tentati di suggerire è al di sotto del talento di tutte le persone coinvolte, ma sapevano in cosa si stavano cacciando quando l'hanno letto.

Il re della commedia
Il re della commedia

'Il re della commedia' di Martin Scorsese è uno dei film più aridi, dolorosi e feriti che abbia mai visto. È difficile credere che Scorsese ce l'abbia fatta; invece della vita in una grande città, della violenza e della sessualità dei suoi film come 'Taxi Driver' e 'Mean Streets', quello che abbiamo qui è un ritratto agonizzante di persone sole e arrabbiate con le loro emozioni tutte strettamente represse. Questo è un film che sembra pronto ad esplodere, ma in qualche modo non lo fa mai.

Uno schema distintivo: il leggendario costumista Sandy Powell in 'Wonderstruck'
Uno schema distintivo: il leggendario costumista Sandy Powell in 'Wonderstruck'

Un'intervista con la costumista tre volte vincitrice di Oscar Sandy Powell sul suo lavoro nel nuovo film di Todd Haynes, 'Wonderstruck'.

NYFF 2014: I film del weekend di apertura 'La Sapienza' e 'Gone Girl' mostrano la profondità artistica del Fest
NYFF 2014: I film del weekend di apertura 'La Sapienza' e 'Gone Girl' mostrano la profondità artistica del Fest

Questo è un dispaccio sul primo fine settimana del NYFF 2014, tra cui 'La Sapienza' di Green e 'Gone Girl' di Fincher.