L'arte come un aldilà: Thomas Mann, Olivia Cooke e RJ Cyler in 'Me & Earl & the Dying Girl'

Interviste

Può contenere spoiler

Alfonso Gomez-Rejon è 'Io, Earl e la ragazza che muore', da il libro di Jesse Andrews , è stato IL film al Sundance Film Festival di quest'anno. Ce n'è sempre uno. Un film che dà fuoco a Twitter e tende alla stampa con i suoi prima. Ricordo dov'ero quando è uscita la prima di 'Earl' e i social media in pratica mi hanno detto che dovevo cambiare i miei piani e adattarmi a questo in. Ora, dopo aver suonato in altri festival, 'Earl' aprirà in edizione limitata rilasciare questo venerdì prima di una maggiore espansione nelle prossime settimane. Nel film, Tommaso Mann interpreta il difensivo e talvolta petulante Greg, un giovane che vede tutti in ampi stereotipi, anche il suo 'collega' Earl (il nuovo arrivato RJ Cyler), con il quale realizza cortometraggi parodia. La visione ristretta del mondo di Greg lo è sfidato quando sua madre ( Connie Britton ) lo costringe a trascorrere del tempo con a compagna di classe di nome Rachel ( Olivia Cooke ), a cui è stato recentemente diagnosticato cancro. Le tre stelle del film si sono recentemente sedute con noi per un vivace discussione sui loro modelli di ruolo, sul loro regista unico e persino sull'Artico Scimmie.

Quando Alfonso era qui per il Chicago Critics Film Festival, abbiamo discusso l'idea che questo sia un film che in definitiva riguarda la creazione: i tre personaggi lasciano tutti qualcosa dietro con la loro arte: essendo attori, voi tre siete creatori nella vita reale. Come importante è quell'aspetto di ciò che fai per il motivo per cui agisci?

OLIVIA COOKE: Mi sento come se, suona così sdolcinato, fosse l'unico modo in cui posso davvero esprimermi. Puoi vedere in diversi punti del mio la vita nel modo in cui mi sento e nel modo in cui voglio essere interpretato attraverso quali film e quali progetti intraprendo. Se ho qualcosa da dire, è l'unico modo che ho sapere come.

THOMAS MANN: Mi sento come se fossi sempre stato una specie di a persona sensibile e mi permette di abbracciare quella parte di me stesso e davvero condividerlo in un modo che non posso nella mia vita normale. È un ottimo sfogo. Legare torna nel film, si tratta di lasciare qualcosa alle spalle. L'arte come un l'aldilà è una bellissima idea.

RJ CYLER: Per me sono molto creativo. Nella mia mente, creatività è coscienza. Non sono molto bravo a spiegarmi verbalmente, ma sì attraverso la musica e altri punti vendita. Senza creatività, sarei solo 'bla bla bla”.

Ogni anno c'è un pochi film del Sundance che vanno a Park City e non escono mai più per un pubblico di massa. E ogni anno ci sono alcuni film del Sundance che si trasformano in QUESTO. Quando hai saputo che era QUESTO? Conoscevi le riprese? Quando lo leggi? In Sundance?

OC: Penso quando abbiamo vinto i premi. Ero fiducioso prima quello, ma ero così pessimista, per proteggermi, probabilmente. Conoscevo il copione era qualcosa di speciale e sarei davvero affranto se nessuno lo vedesse. Ma non ne avevo idea di sicuro.

TM: Sapevo che sarebbe stato un film che sarebbe piaciuto almeno una certa folla, ma speravo che la gente lo prendesse in un modo diverso modo e risuonerebbe su un altro livello, in un modo più universale. Il reazione alla prima proiezione all'Eccles, vedendola con QUELLA gente, ridere di queste battute che hai sentito un milione di volte è così gratificante e travolgente e strano. Quella settimana è una sfocatura. Quella notte eravamo in qualche festeggiare e leggere la prima recensione di Variety e tutti abbiamo iniziato a piangere. Suona così zoppo, ma per fare in modo che le persone lo capiscano e lo rispettino. È così personale per noi.

La chimica tra voi tre è essenziale. Siete riusciti a passare molto tempo insieme anche fuori campo?

TM: È una cosa difficile da falsificare o forzare. Fortunatamente, abbiamo tutti insieme davvero bene. Siamo tutti semplicemente usciti. Siamo andati a un festival di musica questo stava accadendo la prima settimana eravamo lì. Sai, sto solo andando in giro Pittsburgh, uscire, conoscersi.

OC: Abbiamo fatto escursioni anche ogni fine settimana. Siamo andati su a barca.

TM: Abbiamo visto Arctic Monkeys una settimana, ed è stato fantastico. ( RJ inizia a cantare 'Lo voglio sapere?' ). E ora RJ è ossessionato dagli Arctic Monkeys. Non lo so. È stato facile io pensare. Sapevo da quando RJ è venuto all'audizione che saremmo andati d'accordo.

Hanno pianificato attività per te?

TM: No. Credo che gli Arctic Monkeys li abbiamo trovati.

OC: Li adoro. Li ami così tanto.

RC: È stato il mio primo concerto rock. Quindi sono entrato come un testardo RJ. 'Ok in ogni caso.' Quando eravamo a metà strada, le mie mani erano alzate come 'Oh! Sì!'

TM: È stata davvero una serata fantastica. Sembrava l'inizio di qualcosa di speciale.

OC: Era all'aperto. Era il tramonto. Era così buono.

Come sta Alfonso diverso dagli altri registi con cui hai lavorato?

TM: Si preoccupa così tanto degli attori, ammira e rispetta loro. È così intelligente. Pensi che ti piacciano i film e poi parli Alfonso e rendersi conto che sa molto più di te. Olivia e io ci siamo incontrati per la prima volta lui ha fatto l'audizione per 'The Town That Dreaded Sundown', ed entrambi ci siamo avvicinati, ma non ha ottenuto le parti. Dal primo giorno che l'ho incontrato, abbiamo iniziato a parlarne film. Una settimana dopo, avevo una scatola Amazon di cinque DVD. Da allora, lo è stato mandandomi...

Cosa c'era dentro prima scatola?

TM: “ Harold e Maude ,” “ L'età dell'innocenza ,” “Ultimo tango a Parigi', '400 colpi' e 'Biutiful'. Quello fu l'inizio del mio genere istruzione, che in qualche modo è stata trasferita in questo intero processo.

OC: Inoltre, non credo di aver mai lavorato con un regista che sembrava un tale modello e mentore. Ci ha davvero presi sotto la sua ala e si è preso cura di noi. Ha fatto di tutto per farlo.

RC: Lo sta ancora facendo. Ho appena ricevuto 'Breakfast Club' prima siamo venuti qui. Me l'ha mandato. Inoltre, mi ha inviato il MIGLIOR regalo di compleanno di sempre. Adoro I fratelli Isley. Non so nemmeno come faccia a sapere che amo The Isley Fratelli. Non abbiamo mai avuto quella conversazione. mi ricorderei. Mi ha mandato il album 'Fratello, fratello, fratello', firmato. Ero quasi in lacrime. ero un poco spaventato. Ero tipo 'Come fai a saperlo?' 'Perché io sono Alfonso.'

TM: Non voleva solo essere il nostro regista, voleva esserlo i nostri amici.

RC: Ha fissato un livello alto. Ora dirò: 'Dannazione, sii come Alfonso”.

OC: Ai primi di marzo sono andato a cena con Thomas e lui, e quando sono arrivato a casa sua mi aveva portato un mazzo di girasoli. Lui è solamente così meraviglioso e premuroso. Ti fa venire voglia di essere la versione migliore di te stesso.

Un giovane attore una volta mi ha detto che vedeva ogni progetto come un'esperienza di apprendimento, quindi cosa hai fatto imparare qui?

OC: Per apprezzare di più le cose. Per provare davvero al meglio puoi vivere il momento. Moriremo tutti un giorno. Fatti da solo orgoglioso.

TM: Abbraccia l'umorismo nelle situazioni, ma anche che va bene sentire cose che sono reali e lasciare che quei sentimenti arrivino. Penso che questo film mi ha davvero aperto emotivamente. Ero davvero nervoso per alcuni dei successivi scene e come sarei in grado di consegnare il giorno. È appena diventato più facile e più facile quando ho conosciuto il personaggio e ho vissuto in quel mondo. È così valvola che puoi accendere che può essere difficile da spegnere dopo.

RC: Ho imparato molto davvero. Ho imparato come attingere emozioni di cui avevo bisogno. Non sono davvero una persona emotiva. Questo film mi ha messo dentro uno stato mentale in cui va bene andare lì e sentirsi a proprio agio. ero solito scomodo. Alfonso, Thomas e Olivia: potrei essere emotivo. “Sì, lo sono sta per piangere proprio ora. Accadrà. Se ridi... va bene.

C'è qualcuno tu guardare e dire: 'Questo è il percorso di carriera che voglio seguire'? Un attore o un'attrice chi l'ha fatto nel modo in cui vuoi farlo nei prossimi decenni.

TM: Tom Hanks . Lo amo. È così unico e un po' strano. Le esibizioni che dà sono così specifiche, ma è un uomo qualunque e così riconducibile. Sento che può fare praticamente qualsiasi cosa. Paolo Dano . Lui lavora solo con grandi registi e fa sempre qualcosa di diverso.

RC: Denzel Washington . È rimasto fedele dalla prima volta iniziato fino ad ora. Ho guardato una delle sue lezioni e ha tenuto un discorso su come puoi avere sogni ma i sogni senza obiettivi sono morti. Nulla è cambiato per lui a parte la sua carriera, non è cambiato. Vedo le persone arrivare a un livello e poi non puoi parlare con loro. Si sentono intoccabili. È una persona molto genuina.

OC: Questa è dura. Sento che ce ne sono davvero alcuni grandi attrici che raggiungono i 40 anni e poi vengono messe da parte. Spero di riuscire a bilanciarlo e avere una famiglia e Hollywood non sarà come, 'Oh, ora è una madre, non possiamo vederla come un interesse amoroso. È ridicolo. Spero che stia cambiando. Spero che quando arriva il mio momento che non sono semplicemente messo da parte per un più giovane, di più versione glamour di me stesso.

Qual è stato il più grande sfida per te su 'Earl'?

RC: La scena del confronto con Thomas. Mi ha fatto diventare emotivo e arrabbiato, ma continua a tenerlo insieme. Piango a malapena, quindi doverlo fare spingerlo fuori è stata una sfida. È stata anche una sfida spegnerlo. Era come cercare di riparare un tubo rotto. Ci sono volute alcune ore.

TM: Non ho mai dovuto fidarmi così tanto di nessuno. Mi sono fidato del mio compagno attori. Mi sono fidato di Alfonso. Soprattutto, me stesso e che meritavo di essere lì e avevo ragione per la parte e non per indovinare me stesso e dare me stesso oltre al film.

OC: La scena in cui Rachel ha perso i capelli. C'erano un molti scatti e rimanere in quello stato emotivo è stato davvero difficile. A volte hai solo 3 o 4 riprese prima della configurazione successiva. Era davvero difficile essere in quel momento per così tanto tempo.


Raccomandato

The Safe Dark: 'Halloween: The Complete Collection' e 'The Texas Chainsaw Massacre: 40th Anniversary Edition'
The Safe Dark: 'Halloween: The Complete Collection' e 'The Texas Chainsaw Massacre: 40th Anniversary Edition'

Una recensione di due nuovi enormi set regalo horror per 'Halloween' (e i suoi sequel) e 'The Texas Chainsaw Massacre'.

Joanna Hogg su The Souvenir, Dipingere la struttura di un film in acquerelli e altro
Joanna Hogg su The Souvenir, Dipingere la struttura di un film in acquerelli e altro

Un'intervista con la sceneggiatrice/regista Joanna Hogg sul suo nuovo film, The Souvenir.

La frontiera occidentale, tra realtà e leggenda
La frontiera occidentale, tra realtà e leggenda

John Ford e John Wayne insieme hanno creato gran parte della mitologia del Vecchio West che portiamo nella nostra mente. A cominciare da 'Stagecoach' (1939), proseguendo dal 1948 al 1950 con la Cavalry Trilogy ('Fort Apache', 'She Wore a Yellow Ribbon' e 'Rio Grande'), e infine fino al 1962 e 'The Man Who Shot Liberty Valance' ,' insieme in 10 lungometraggi hanno in gran parte formato i modelli del western di Hollywood. Di questi 'Liberty Valance' era il più pensieroso e riflessivo.

I cineasti di Ebertfest, gli esperti affrontano la sfida di 'Reimmaginare il cinema per l'era digitale'
I cineasti di Ebertfest, gli esperti affrontano la sfida di 'Reimmaginare il cinema per l'era digitale'

Ospiti speciali dell'Ebertfest, tra cui Jem Cohen & Haifaa Al-Mansour, discuti delle sfide e dei vantaggi della realizzazione di film nell'era digitale.