Il ragazzo

Recensioni

Offerto da

Nel pantheon delle bambole inquietanti - da Talky Tina in 'The Twilight Zone' a Chucky nei film 'Child's Play' ad Annabelle in ' L'Evocazione ” – è spesso l'idea dell'oggetto inanimato che prende vita e provoca il caos sanguinante che è più spaventoso dell'esecuzione effettiva. È una cosa difficile da realizzare: far venire i brividi dal trasformare un giocattolo d'infanzia in qualcosa di veramente minaccioso rispetto a suscitare risatine per la pura stupidità della proposta.

Questo è lo sfortunato - e involontariamente esilarante - caso di 'The Boy', la cui atmosfera lunatica e le esibizioni impegnate non possono nascondere il fatto che questo è un film stupido. (È anche un film che non è stato mostrato alla critica prima del giorno di apertura; lo studio ha effettivamente annullato il suo programma Giovedì -sfumature notturne del film, nel caso ti stavi chiedendo se essere ottimista.)

Lauren Cohan di “The Walking Dead” fa del suo meglio, però, per prendere sul serio il suo ruolo attraverso tutti i suoi improvvisi colpi di scena. Recita nel ruolo di Greta, una bella e giovane americana che si reca in un remoto villaggio inglese per trovare lavoro come bambinaia per un bambino di 8 anni. Sembra che abbia un passato romantico travagliato e abbia bisogno di allontanarsi il più possibile da casa; quello che scopre, però, è che anche lei è lontana da tutto il resto. Quando si ferma in un'auto con autista al maestoso e intimidatorio maniero degli Heelshire, osserva con soggezione: 'È come qualcosa uscito da un libro di fiabe, vero?' In realtà, è come qualcosa uscito da ogni film horror gotico che tu abbia mai visto, completo di terreni selvaggi e nebbiosi, scale buie, passaggi nascosti e cose che sbattono nella notte.

Quando Greta incontra i rigidi Heelshires (veterani Jim Norton e Diana Hardcastle ), che assomigliano più ai nonni di un bambino di 8 anni che ai genitori, riceve un rigido elenco di regole e una routine a cui deve attenersi. Incontra anche il ragazzo in persona, che non è affatto un ragazzo, ma piuttosto una bambola di porcellana con un guardaroba ordinato di abiti minuscoli e cardigan e uno sguardo vitreo. Ma gli Heelshire, che lo hanno chiamato Brahms, lo trattano come un bambino vivo e che respira. Gli parlano. Lo nutrono. Lo portano su e giù per le scale, gli suonano dischi di musica classica e lo mettono a letto la notte.

“Oh, Brahms! Devi stare seduto dritto,” la rimprovera gentilmente sua madre a un certo punto. Più tardi lei tuba: 'La mamma è così orgogliosa di te'. Apparentemente, il modo pratico in cui queste persone benestanti e benestanti considerano ciò che è chiaramente un giocattolo è destinato a essere snervante. Sono squilibrati o diabolici? E Greta, come nostra controfigura, esprime tutto lo scetticismo e l'apprensione che saremmo in questa bizzarra situazione. Ma ha bisogno di soldi, quindi accetta il lavoro. (Anche se il modo in cui ha scoperto il concerto dalla sua piccola città nel Montana è un mistero; gli Heelshire non hanno Internet o servizi cellulari e sembrano aver smesso di comunicare con il mondo esterno decenni fa.)

L'altro dipendente della coppia è Malcolm ( Ruperto Evans ), il simpatico e civettuolo commesso di alimentari che fa commissioni per loro in città e viene una volta alla settimana. (La sua presenza, come quella di Greta, è un po' un mistero. Chi è? Perché si fidano di lui? Ha vita al di fuori delle sue visite settimanali? Le domande abbondano nella sceneggiatura di Stacey Wag , e stiamo solo grattando la superficie per evitare spoiler.) Ma Malcolm è abbastanza decente da informare Greta su ciò che sta accadendo qui: il vero Brahms è morto in un incendio 20 anni fa nel suo 8° compleanno, e gli Heelshire hanno usato il bambola come controfigura da allora.

Sembra tutto abbastanza innocuo nonostante la sua stranezza, fino a quando gli Heelshire non escono dalla città per una vacanza attesa da tempo e lasciano Greta da sola con Brahms. Improvvisamente, scopre che i suoi effetti personali scompaiono e riappaiono e sente le risate e i singhiozzi di un bambino che echeggiano nei corridoi. La bambola stessa non si muove - all'inizio - ma sono chiaramente in corso cose strane.

Direttore William Brent Bell mette in scena un paio di momenti genuinamente tesi - uno dei quali si svolge in una notte buia e tempestosa collaudata - ma per la maggior parte non riesco a decidere se giocarci direttamente o divertirti un po' con questo stravagante premessa sulla falsariga di Guillermo del toro è incantevole” Picco cremisi .” Per fare il lavoro fa troppo affidamento sulle paure dei salti, sulle sequenze di incubi e sul presentimento generale della casa stessa. E quindi siamo in una zona grigia e sdolcinata nel mezzo in cui le decisioni, le reazioni e i dialoghi dei personaggi ci fanno ridere, ma forse non consapevolmente. È imbarazzante e strano, ma mai così spudoratamente esagerato da servire come un piacere colpevole.

La svolta che spiega cosa sta davvero succedendo qui sembra un po' una delusione, così come il confronto culminante che coinvolge la forza veramente malvagia che ha giocato e tormentato Greta. È più meccanico che rivelatore e la possibilità di un sequel nella ripresa finale gioca più come una minaccia che come una promessa.

Raccomandato

Fantasia 2018: L'uomo che uccise Hitler e poi The Bigfoot, Luz, Cam
Fantasia 2018: L'uomo che uccise Hitler e poi The Bigfoot, Luz, Cam

Recensioni dal Fantasia International Film Festival di 'The Man Who Killed Hitler and Then The Bigfoot', il film horror sperimentale 'Luz' e il 'Black Mirror'-esque 'Cam'.

Cessate il fuoco
Cessate il fuoco

Questo è uno dei migliori film dell'anno.

Nessuno sano di mente parte per girare un film con 25 personaggi principali: Dietro le quinte del film di Downton Abbey
Nessuno sano di mente parte per girare un film con 25 personaggi principali: Dietro le quinte del film di Downton Abbey

Un'intervista con la produttrice Liz Trubridge e gli attori Michelle Dockery e Laura Carmichael su Downton Abbey.

Uomini
Uomini

Qualunque sia la tua reazione all'ultima distorsione mentale meticolosamente realizzata dallo scrittore/regista Alex Garland, non sarà indifferenza.