Florence Pugh e Michael Shannon sono i protagonisti di Deliberate, Affascinante La piccola batterista

TV/Streaming

Park Chan-wook l'attenzione ai dettagli è ben nota tra i cinefili. Dalla brutale bellezza della sua Trilogia di Vendetta ('Sympathy for Mr. Vengeance', 'Oldboy' e 'Lady Vengeance') al suo straordinario lavoro nel film del 2016 ' L'ancella ”, non lascia molto al caso. I suoi film spesso sembrano affari incredibilmente calcolati, eppure in qualche modo permette alla fallibilità e alle emozioni umane di sentirsi autentiche. È un regista elegante e meticoloso che solo raramente permette a quello stile di soffocare i suoi personaggi. Tutto questo lo rende perfetto per lui John Le Carré , uno scrittore magistrale che era anche ossessionato dai dettagli. Park fa il suo debutto televisivo dirigendo tutti e sei gli episodi dell'adattamento di AMC di Le Carre ' La piccola batterista ”, e il risultato è un affare a volte lungo, ma in un modo che il regista chiaramente ama. E la sua passione per i dettagli e la procedura dello spionaggio è contagiosa, sia per il suo cast di A-list, che tutti offrono, sia per noi come spettatori.

'Ora la finzione e la realtà diventano una cosa sola.' Questa battuta viene recitata per quasi quattro ore intere in 'The Little Drummer Girl', che si svolge in un modo davvero unico, in due episodi in tre notti. Per i primi 2/3 della miniserie, stiamo assistendo a ciò che è in gran parte impostato, ma Park e il suo team si immergono in profondità in quel set-up, illustrando la difficoltà di andare così in profondità sotto copertura che potresti perderti . Questo è quello che succede a Charlie ( Firenze Pugh ), un'attrice reclutata da un'agenzia nel 1979 guidata da una spia israeliana di nome Martin Kurtz ( Michael Shannon ) e addestrato da un'altra spia di nome Becker ( Alexander Skarsgard ). Charlie e Becker confondono i confini tra la sua vera personalità e quella della donna che diventerà, infiltrandosi in un gruppo di terroristi palestinesi. In un certo senso, Martin è il regista di questa piccola commedia e Becker è lo scrittore. Charlie sarà la star.

Quel piccolo riassunto della trama suggerisce solo la complessità di 'Little Drummer Girl', ma questo è il tipo di pezzo che puoi apprezzare anche se non segui la trama (o la trovi a volte contorta). Non solo Park apporta una grande quantità di stile e bellezza al cinema, ma dirige la sua protagonista in una delle interpretazioni più feroci e affascinanti dell'anno televisivo. Charlie è un'attrice interessata alle cause filo-palestinesi e questi due elementi della sua personalità hanno un impatto sul modo in cui si impegna nel mondo dello spionaggio. Si illumina durante le scene di quelle che sono fondamentalmente una 'storia passata', qualcosa di comune sia agli artisti che alle spie sotto copertura. E Pugh trasmette brillantemente la malleabilità del suo personaggio senza mai sentirsi un dispositivo. Molte attrici si sarebbero perse in questa parte, perdendola a causa della farsa o della politica, ma Pugh non lo fa mai. Shannon e Skarsgard sono entrambi molto bravi, ma la serie appartiene a Pugh.

Bene, Pugh e Park. La dinamica internazionale in gioco nella produzione di 'The Little Drummer Girl' inizia a sembrare come se aggiungesse uno strato di tensione e personalità all'intera faccenda. Dopotutto, è un regista coreano che dirige un pezzo con star americane e britanniche su una missione di spionaggio guidata da Israele. Ci sono scene in cui lo status di outsider di Park sembra quasi replicato nella narrazione, aggiungendo un efficace senso di alterità e confusione a ciò che stiamo guardando, che si tratti dei dialoghi a volte strani o delle composizioni che sembrano il resto della filmografia di Park. 'The Little Drummer Girl' parla di un'estranea alla cultura in cui sta andando sotto copertura ed è diverso da come sarebbe stato se fosse stato realizzato da un britannico o da un israeliano. C'è qualcosa di un po' strano in ogni episodio in un modo che lo rende distintamente di Park e spesso avvincente.

Alcune persone penseranno che la storia è stata tirata fuori per rispettare un contratto di sei episodi come se quattro episodi non fossero così prestigiosi, e avrebbero ragione, ma il ritmo di 'The Little Drummer Girl' sembra appropriato per Le Carre e l'argomento in questione. Park e questa serie offuscano davvero i confini tra attrice, spia e terrorista, notando quanto tutti e tre facciano affidamento su narrazioni sceneggiate per raggiungere i loro obiettivi. È un'altra miniserie di alto profilo che premia il paziente e un'ulteriore prova dell'importanza internazionale del suo regista.

Raccomandato

Osservazioni di uno scettico sulla stagione dei premi, parte terza: La bassa scintilla della stanchezza da Oscar pre-Oscar
Osservazioni di uno scettico sulla stagione dei premi, parte terza: La bassa scintilla della stanchezza da Oscar pre-Oscar

Pronostici di Oscar e un commento sullo stato generale di malessere deluso che sembra prendere il sopravvento sui blogger di Oscar in questo periodo dell'anno.

TIFF 2014: Scavare un po' più a fondo con 'The Last Five Years', 'Paper Planes', 'The Reach'
TIFF 2014: Scavare un po' più a fondo con 'The Last Five Years', 'Paper Planes', 'The Reach'

Un rapporto su TIFF 2014, con 'The Last Five Years', 'Paper Planes' e 'The Reach'.

Boia
Boia

Un knock-off di Cheapo Seven che si sarebbe tentati di suggerire è al di sotto del talento di tutte le persone coinvolte, ma sapevano in cosa si stavano cacciando quando l'hanno letto.

Il re della commedia
Il re della commedia

'Il re della commedia' di Martin Scorsese è uno dei film più aridi, dolorosi e feriti che abbia mai visto. È difficile credere che Scorsese ce l'abbia fatta; invece della vita in una grande città, della violenza e della sessualità dei suoi film come 'Taxi Driver' e 'Mean Streets', quello che abbiamo qui è un ritratto agonizzante di persone sole e arrabbiate con le loro emozioni tutte strettamente represse. Questo è un film che sembra pronto ad esplodere, ma in qualche modo non lo fa mai.

Uno schema distintivo: il leggendario costumista Sandy Powell in 'Wonderstruck'
Uno schema distintivo: il leggendario costumista Sandy Powell in 'Wonderstruck'

Un'intervista con la costumista tre volte vincitrice di Oscar Sandy Powell sul suo lavoro nel nuovo film di Todd Haynes, 'Wonderstruck'.

NYFF 2014: I film del weekend di apertura 'La Sapienza' e 'Gone Girl' mostrano la profondità artistica del Fest
NYFF 2014: I film del weekend di apertura 'La Sapienza' e 'Gone Girl' mostrano la profondità artistica del Fest

Questo è un dispaccio sul primo fine settimana del NYFF 2014, tra cui 'La Sapienza' di Green e 'Gone Girl' di Fincher.