Cordelia

Recensioni

Offerto da

A volte non è necessario che i muri si chiudano per creare un'atmosfera opprimente. A volte basta solo che lo sfondo si chiuda. In 'Cordelia', un thriller diretto da Adrian Shergold da una sceneggiatura di Shergold e dell'attrice protagonista del film, Antonia Campbell-Hughes , il personaggio del titolo, che condivide una casa con la sorella gemella Caroline (interpretata anche da Campbell-Hughes), vive in un appartamento le cui pareti verdi testurizzate sono praticamente l'esatto opposto dell'accoglienza.

E la stessa Cordelia è una cliente piuttosto fredda, anche se non senza una buona ragione. Il film si apre nella metropolitana di Londra e una scomoda interazione tra Cordelia e un cieco che culmina con Cordelia che si muove con disinvoltura attraverso l'auto. La prossima volta che la vediamo, è passato un po' di tempo - 12 anni, lo scopriamo alla fine - e Cordelia, un'attrice, non prende più 'il tubo'. Entrando in una prova teatrale - di re Lear , guarda caso, e sta sostituendo una parte, ma non necessariamente la parte omonima: torna a casa camminando sul Festival Bridge. Si imbatte in una vecchia conoscenza. Lui vuole recuperare il ritardo e lei... no. 'Sei stata l'ultima persona che ho visto prima di entrare in quel tubo', gli ricorda. E lo accetta e va avanti.

Non scopriamo esattamente cosa sia successo. Questo film è stato presentato in anteprima in Inghilterra nel 2019 e coloro che sono inclini alla matematica storica possono dedurre che forse Cordelia era una sopravvissuta all'attentato alla metropolitana di Londra ora chiamato 'attacchi 7/7' nel 2005. Ma il film non sta chiedendo allo spettatore di andare così percorso.

'Cordelia' è più un pezzo d'atmosfera, un pezzo di cattivo umore catastrofico. Una volta tornata a casa, Cordelia trova la gemella estroversa Caroline che si prepara a partire per un fine settimana con un nuovo fidanzato. Cordelia non sembra che dovrebbe essere sola, e inoltre, sì, questa configurazione è molto simile a quella di Romano Polanski Il catastrofico pezzo di cattivo umore del 1965 “Repulsion”.

Ma il dilemma di Cordelia non è alimentato dagli occhi sgranati degli uomini, come lo era nel film degli anni '60. C'è un vicino al piano di sotto, interpretato da Michele Gambon , la cui strana atmosfera non è licenziosa. E poi c'è il vicino di sopra, Frank, che si esercita con il violoncello quasi a tutte le ore ma suona bene e sembra relativamente simpatico.

E, soprattutto, c'è il fatto che 'Cordelia' non rimane legato a quella che chiameremmo realtà. E il modo in cui non rimane legato è ciò che conferisce al film la sua qualità distintiva. Cordelia fa brutti sogni e quando si sveglia non siamo sicuri se ne sia davvero uscita. E Frank sembra abbastanza carino, ma dopo aver portato Cordelia in un bar stranamente deserto e lui deve uscire per qualche motivo e lei vede foto di se stessa e Caroline, o è solo lei? o è solo Caroline, inizia a sembrare piuttosto ambiguo. Sì, il film di Polanski ha fatto sembrare le allucinazioni della sua eroina parte della realtà oggettiva - diavolo, uno di loro ha sperimentato un effetto che è ancora spesso, e ancora efficacemente, usato come spaventoso salto - ma in 'Cordelia', i confini tra ciò che sta accadendo e ciò che sta accadendo nella testa di Cordelia diventano sempre più porosi, poiché l'azione stessa diventa sempre più terribile.

Alla fine del film, infatti, ero piuttosto irritato. L'immagine sembrava aver diviso la differenza tra l'essere spudoratamente derivati ​​​​e volontariamente oscuro. Dopo averlo girato, ho concluso che la mia frustrazione per quella che consideravo una non risoluzione non ha compromesso la sensazione di genuina inquietudine del film. A volte basta.

Ora in riproduzione nei cinema e disponibile su piattaforme digitali.

Raccomandato

Entrando negli spogliatoi: Tyler Hoechlin, Will Brittain e Blake Jenner in 'Everybody Wants Some!!'
Entrando negli spogliatoi: Tyler Hoechlin, Will Brittain e Blake Jenner in 'Everybody Wants Some!!'

Un'intervista con gli attori Tyler Hoechlin, Will Brittain e Blake Jenner, protagonisti di 'Everybody Wants Some!!'

Dissotterrare gli scheletri: John Carpenter in Lost Themes III e Scoring Halloween
Dissotterrare gli scheletri: John Carpenter in Lost Themes III e Scoring Halloween

Un'intervista a John Carpenter sul suo nuovo album di Lost Scores.

Il novizio
Il novizio

Il debutto cinematografico della scrittrice/regista/co-montatrice Lauren Hadaway è un'esperienza sensoriale intima e potente.

Grazia incredibile
Grazia incredibile

Amazing Grace sono due giorni di chiesa battista condensati in 90 minuti e iniettati direttamente nella tua anima.

Viveik Kalra su Accecato dalla luce, Alla scoperta di Bruce Springsteen, Cosa c'è dopo e altro
Viveik Kalra su Accecato dalla luce, Alla scoperta di Bruce Springsteen, Cosa c'è dopo e altro

Un'intervista con Viveik Kalra, che fa il suo debutto come attore nel film ispirato a Bruce Springsteen, Blinded by the Light.