Cena in America

Recensioni

Offerto da

Un modo per descrivere 'Dinner in America' ​​è condividere la progressione della mia risposta mentre lo guardavo. Ero irritato dai primi 15 minuti. Sembrava una parodia - e pigra - dello stereotipo dell'America Centrale, tutta tappezzeria a fiori e cene di famiglia tese e adulti giudiziosi bloccati nell'era di Eisenhower. In altre parole, sparare al pesce in un barile. In questo mondo conformista arriva un agente del caos, un piromane antisociale con disgustose maniere a tavola, che si scatena per la periferia facendo inorridire tutti. Dal momento che nessuno sullo schermo sembrava particolarmente reale, non era chiaro quale fosse la battuta o quale fosse il punto. Sarebbe stata un'ora e quarantacinque minuti molto lunga.

Mi sbagliavo così tanto. In casi come questo, mi piace sbagliare.

'Dinner in America', scritto, diretto e curato da Adam Rehmer , è un film con l'argento vivo anti-establishment e antisociale che scorre nelle sue vene, ma al centro è una dolce storia d'amore, una delle più dolci della memoria recente. A volte arriva un film e ti sorprende. A volte un film fa una brutta prima impressione, ma a un esame più attento ti rendi conto che c'è più di quanto sembri. (Ho sempre ammirato la recensione trasparente di Roger Ebert di ' Il re della commedia ,' dal momento che si tratta tanto di come ha lottato con il film, e ha resistito, ma è tornato, sperando di vederlo in un modo più profondo). Per contraddire Allen Ginsberg , 'Primo pensiero' non è necessariamente sempre 'pensiero migliore'. Alla fine di 'Dinner in America', ho ripensato alla mia resistenza iniziale con un leggero senso di timore reverenziale.

Simone ( Kyle Gallner ) è il suddetto 'piro', un vagabondo e cattivo ragazzo. È il peggior incubo dell'America Centrale, come mostra la sequenza di apertura. Non ha rispetto per niente e nessuno. ' Velluto blu ' ritraeva la bella faccia esteriore dei sobborghi. Tutti quei fiori e irrigatori e cieli azzurri perfetti. 'Dinner in America' ​​non vede la bellezza in nulla di tutto ciò. C'è una scena in cui Simon cammina in un lotto vuoto, tutto cemento incrinato con erbacce che esplodono attraverso , mentre sullo sfondo si profila un gigantesco edificio di vetro per uffici. Il contrasto è netto e dice tanto. Brucia tutto.

Dopo essersi fatto strada attraverso una famiglia a caso, incontra Patty, una ventenne che ha abbandonato il college ( Emily Skeggs ), che abbiamo già visto a casa con i suoi terribili genitori ( Pat Healy e Mary Lynn Rajskub ), che la trattano come se fosse un'interpolata. Patty lavora in un negozio di animali e subisce continue molestie da parte di due ragazzi in tuta da ginnastica, che la deridono con insulti sessuali e la chiamano ripetutamente una 'ritarda'. (Il linguaggio è piuttosto ruvido e un po' pesante.) Patty è goffa, sola e in uno stato di arresto dello sviluppo. Ama segretamente la band punk rock Psy Ops e chiama il cantante, un uomo misterioso di nome 'John Q. Public', il suo 'fidanzato della musica'. Patty non ha mai avuto un ragazzo, musica o altro.

Simon è manipolatore e nei guai. Patty è suscettibile. Lo porta a casa con lei. La polizia lo sta cercando; ha bisogno di un nascondiglio. Ciò che poi si svolge nel resto del film dipende dalla chimica tra Gallner e Skeggs, il che è notevole. Lei è così goffa e ingenua, e lui è così cattivo e duro, sembra che ci sia un solo modo per farlo. Non va affatto così. La loro dinamica è fresca, sorprendente e divertente, con frequenti richiami nei dialoghi, usando la ripetizione per ottenere battute e critiche. I genitori di Patty avvertono Patty più e più volte di 'abbassarlo di un livello'. Ogni volta che esprime qualcosa di diverso dalla blanda acquiescenza, le viene detto di 'abbassarlo di un livello'. Quando Simon finalmente dice queste parole a Patty, è un richiamo estremamente soddisfacente. Prende il commento di rimprovero e non solo lo trasforma in una presa in giro delle persone meschine che vogliono far vergognare Patty, ma lo trasforma in un complimento, una tripletta che non deve essere provata dai dilettanti. Gallner più che tira fuori.

'Dinner in America' ​​ha i suoi punti di riferimento cinematografici, in un continuum con film iconoclasti eclettici come ' Mondo fantasma ,' 'Benvenuto nella casa delle bambole' o ' eriche ' (una scena in 'Dinner in America' ​​fa riferimento in particolare a un momento in 'Heathers'). C'è anche qualche 'Valley Girl' lì dentro. Ho pensato a ' Combattimento aereo ' anche, dove sboccia un'incerta storia d'amore tra due persone improbabili, un emarginato verginale grassoccio ( Lily Taylor ) e un marine macho che parla spazzatura ( Fiume Fenice ). (Entrambe le coppie - quella in 'Dogfight' e quella in 'Dinner in America' ​​- escono in una sala giochi e giocano a Whack-a-Mole.) A differenza di 'Dogfight', 'Dinner in America' ​​sembra che potrebbe andare ' Calanchi ' o ' Assassini nati naturali ' da un momento all'altro. Simon è già un criminale, e non sembra che ci vorrebbe molto nemmeno per Patty per seguire quella strada. 'Dinner in America' ​​è un inno ai valori del punk rock, al fai-da-te del punk rock, della sua purezza e anarchia, del suo scetticismo e rifiuto di sottomettersi allo status quo, almeno non senza un serio interrogatorio.

Skeggs interpreta Patty con umorismo e apertura. Ci sono un paio di momenti in cui un sorriso scoppia sul suo viso, un sorriso di tale gioia ed eccitazione che sembra che potrebbe prendere fuoco dal puro potere delle sue stesse emozioni. La gioia è intensa, soprattutto quando non l'hai mai provata. Lei è entusiasta da lui. Gli fa delle domande, anticipandole sempre dicendo il suo nome. 'Simone?' 'Simone?' 'Simone?' Ha bisogno di una scusa per dire il suo nome. E Gallner è esplosivo, violento, impulsivo, ma ha dei segreti, grandi. È un esempio di cosa può succedere quando cerchi di liberarti dai tuoi condizionamenti. Una società malata crea individui malati. La sua risposta a Patty è organica. La chimica non è logica. La chimica accade e basta.

Alla fine di 'Bringing Up Baby', poco prima che la svampita ereditiera di Katharine Hepburn distrugga lo scheletro di brontosauro di Cary Grant, il professore nerd di Grant finalmente ammette ciò che per noi è sempre stato ovvio. 'Non ho mai avuto un momento migliore!' grida alla donna che gli ha letteralmente distrutto la vita in un arco di tempo di 48 ore. Considera la sua vita prima che arrivasse lei. Era intrappolato e non lo sapeva nemmeno. La sua liberazione dall'intrappolamento doveva essere violenta com'era. È scioccato da quanto si sia divertito. Il romanticismo è fantastico e tutto, ma ciò che è ancora meglio, ciò che è ancora più liberatorio, è divertirsi. Divertirsi significa che non ti interessa cosa pensano le persone di te. Divertirsi significa che sei abbastanza forte in te stesso da non vivere secondo le regole di qualcun altro. Divertirsi significa dare il dito a chiunque ti dica di 'abbassarlo di una tacca'. Patty, che cavalca il fucile accanto a questo punk accigliato a volte spaventoso che ha incontrato solo 24 ore prima, non riesce a togliersi il sorriso dalla faccia. Non ha mai avuto un momento migliore.

Ora in programmazione in sale selezionate e disponibile su piattaforme digitali e on demand il 7 giugno.

Raccomandato

Fantasia 2018: L'uomo che uccise Hitler e poi The Bigfoot, Luz, Cam
Fantasia 2018: L'uomo che uccise Hitler e poi The Bigfoot, Luz, Cam

Recensioni dal Fantasia International Film Festival di 'The Man Who Killed Hitler and Then The Bigfoot', il film horror sperimentale 'Luz' e il 'Black Mirror'-esque 'Cam'.

Cessate il fuoco
Cessate il fuoco

Questo è uno dei migliori film dell'anno.

Nessuno sano di mente parte per girare un film con 25 personaggi principali: Dietro le quinte del film di Downton Abbey
Nessuno sano di mente parte per girare un film con 25 personaggi principali: Dietro le quinte del film di Downton Abbey

Un'intervista con la produttrice Liz Trubridge e gli attori Michelle Dockery e Laura Carmichael su Downton Abbey.

Uomini
Uomini

Qualunque sia la tua reazione all'ultima distorsione mentale meticolosamente realizzata dallo scrittore/regista Alex Garland, non sarà indifferenza.