Cannes 2018: John David Washington sulle montagne russe emotive di BlacKkKlansman di Spike Lee

Festival e premi

John David Washington in 'BlacKkKlansman'

In 'BlacKkKlansman' di Spike Lee, che ha avuto la sua prima in concorso qui a Cannes, parte della difficoltà di interpretare Ron Stallworth è che Stallworth, un agente di polizia sotto copertura, è spesso lui stesso un attore, interpretando ruoli diversi per persone diverse.

Il film mostra come Stallworth, il primo agente di polizia afroamericano a Colorado Springs, abbia avviato un'indagine sotto copertura sul Ku Klux Klan. Per i suoi colleghi poliziotti, è un novellino la cui ambizione potrebbe superare le sue capacità. Per gli attivisti per i diritti civili, è un difensore della polizia. E quando parla al telefono con i membri del Klan - la sua razza è nascosta - viene guardato con sospetto.

A volte quei mondi si scontrano. In una delle prime scene, Stallworth (John David Washington) viene incaricato di andare sotto copertura per riferire al suo capo della polizia su un discorso di Kwame Ture (in precedenza Stokely Carmichael, l'attivista accreditato di aver coniato la frase 'potere nero'). Durante il discorso di Ture, Stallworth è subito galvanizzato dalle parole e si trattiene consapevolmente, sapendo che non è lì per radunarsi con la folla ma per spiarla.

Mercoledì su una terrazza del Palais di Cannes, Washington—un ex giocatore di football professionista, una star di 'Ballers' della HBO e figlio di Denzel Washington — ha ricordato la tensione di entrare nei panni di Stallworth in quella scena.

'Nella vita reale, quel giorno, Corey Hawkins '—l'attore che interpreta Ture—'quello che ha fatto con quel ruolo è stato così trasformativo', ha detto Washington. 'Quelle sono state vere reazioni da parte mia. Sono stato davvero commosso da quello che stava facendo, e quindi ha influenzato il personaggio'.

Nel film, mentre continua a nascondere la sua identità di agente di polizia, Stallworth si avvia verso una storia d'amore con uno studente attivista ( Laura Harrier ) che si irrita per il trattamento dei 'maiali' degli afroamericani. Stallworth, in quanto ufficiale nero che crede di combattere il razzismo dall'interno, ha diviso le lealtà.

Washington ha discusso del tentativo di svelare le motivazioni del suo personaggio. 'Ci sono diversi tipi di supporto per la tua gente', ha spiegato. 'Giustizia, questo è ciò che ha rappresentato.'

Ha aggiunto: 'Come recitare, il lavoro investigativo sotto copertura richiede molte prestazioni. C'è solo più pressione perché si tratta di situazioni di vita o di morte'.

Il vero Ron Stallworth ha fatto questo punto quando i due hanno conferito. 'Continuava a dire, 'Anche io sono un attore', in pratica', ha detto Washington.

'Alcune delle sue mosse erano motivate dalle emozioni, ma era comunque in grado di rimanere calmo, calmo e raccolto e fare il suo lavoro', ha detto. Nel film e nella vita, Washington ha detto, Stallworth avrebbe parlato al telefono con i membri del Klan mentre un poliziotto bianco (interpretato da Adam Driver nel film), fingendo di essere Stallworth, li avrebbe incontrati di persona.

In 'BlacKkKlansman', mentre Stallworth approfondisce le indagini, si infiltra ai livelli più alti del Klan. Washington descrive le conversazioni telefoniche con cui ha condiviso Topher Grazia (che interpreta il leader del Klan David Duke) come 'montagne russe emotive'. Anche loro giocano in questo modo. Guardarli significa essere inorriditi dalla retorica piena di odio di Duke, ridere del fatto che Duke non si rende conto di essere interpretato ed essere increduli sul fatto che queste scene siano basate sulla vita reale.

Entrare nello stato d'animo per quelle scene di conversazione telefonica, ha detto Washington, era questione di pensare a come Stallworth l'aveva fatto. 'Ho pensato - pensò l'attore John David - 'Questa è la missione. Devo conquistare la sua fiducia'', ha detto.

Sebbene 'BlacKkKlansman' sembri pronto per essere un ruolo da protagonista per Washington, non è nuovo a lavorare con Lee: ha vividi ricordi d'infanzia di aver interpretato un piccolo ruolo in ' Malcom X ' (1992) e facendo cinque o sei riprese per 'Uncle Spike'.

Washington ha detto di non essere stato in contatto con il regista di recente quando Lee gli ha scritto del ruolo. (Non è nemmeno sicuro di come abbia avuto il numero. Ha detto che non sapeva se suo padre, che non ha ancora visto il film, avesse qualcosa a che fare con quello.)

Interpretare un personaggio degli anni '70 significava anche immergersi nella cultura pop dell'epoca. 'Quello che è stato davvero più importante per me, o più influente, è stata la musica', ha detto Washington. 'Avevo una playlist seria, come una playlist di 400 canzoni di tutti gli anni '70. Quella era fondamentalmente la mia colonna sonora per la vita durante questo viaggio. Questo ha davvero ispirato anche il modo in cui mi sono mosso'.

Raccomandato

Entrando negli spogliatoi: Tyler Hoechlin, Will Brittain e Blake Jenner in 'Everybody Wants Some!!'
Entrando negli spogliatoi: Tyler Hoechlin, Will Brittain e Blake Jenner in 'Everybody Wants Some!!'

Un'intervista con gli attori Tyler Hoechlin, Will Brittain e Blake Jenner, protagonisti di 'Everybody Wants Some!!'

Dissotterrare gli scheletri: John Carpenter in Lost Themes III e Scoring Halloween
Dissotterrare gli scheletri: John Carpenter in Lost Themes III e Scoring Halloween

Un'intervista a John Carpenter sul suo nuovo album di Lost Scores.

Il novizio
Il novizio

Il debutto cinematografico della scrittrice/regista/co-montatrice Lauren Hadaway è un'esperienza sensoriale intima e potente.

Grazia incredibile
Grazia incredibile

Amazing Grace sono due giorni di chiesa battista condensati in 90 minuti e iniettati direttamente nella tua anima.

Viveik Kalra su Accecato dalla luce, Alla scoperta di Bruce Springsteen, Cosa c'è dopo e altro
Viveik Kalra su Accecato dalla luce, Alla scoperta di Bruce Springsteen, Cosa c'è dopo e altro

Un'intervista con Viveik Kalra, che fa il suo debutto come attore nel film ispirato a Bruce Springsteen, Blinded by the Light.