Benedetta

Recensioni

Offerto da

che Dio vi benedica Paul Verhoeven . Il provocatore ha messo gli occhi quest'anno sull'immaginario cattolico classico, sovvertendo e sfidando le strutture della religione nella sua audace 'Benedetta', che ora suona in versione limitata dopo un controverso festival. La sessualizzazione esplicita della religione da parte di Verhoeven è una provocazione superficiale o un'analisi approfondita di come il pregiudizio di genere implicito all'interno delle istituzioni di fede porti solo a violenze e abusi? Onestamente non sono del tutto sicuro. Ci sono momenti in cui Verhoeven lancia così tante idee nella sua sceneggiatura volutamente sovraffollata che inizia a sembrare sfocata, come una versione drammatica del leggendario scherzo 'Aristocratici'. Eppure ci sono anche momenti in cui sembra il culmine della sua carriera, un film che avrebbe inevitabilmente girato nel modo in cui distilla sessualità, corruzione, sistemi rotti e provocazione in una storia affascinante. Non ne sono sicuro tutto funziona, ma c'è così tanto da considerare e spacchettare e semplicemente divertirti che è impossibile ignorarlo. Paul Verhoeven non fa film che possono essere facilmente ignorati.

Benedetta Carlini was a real nun in the early 17 th secolo a Pescia, un paesino del Nord Italia. Secondo quanto riferito, ha avuto una relazione con una delle sue monache mentre era badessa del Convento della Madre di Dio, ed è stata spogliata del suo rango e imprigionata quando il papato lo ha scoperto. Ha anche riferito di aver avuto visioni e ha persino ricevuto le stigmate. Nel 1619 affermò di essere stata visitata dallo stesso Gesù, che disse a Benedetta che lo avrebbe sposato. La gente ha iniziato a mettere in discussione i proclami di Benedetta e l'indagine che ne è seguita ha rivelato la relazione proibita.

Sarebbe riduttivo dire che Verhoeven adatta questo insolito racconto, una volta raccontato in un libro di Judith C. Brown chiamato Atti immodesti: La vita di una monaca lesbica nell'Italia rinascimentale , in un modo che solo lui poteva. Rende evidente il suo fascino per il corpo e le sue funzioni già quando due personaggi hanno una sorta di momento romantico dopo aver defecato uno accanto all'altro. In realtà è anche prima di allora quando un uccello caga negli occhi di un uomo e uno spettacolo teatrale presenta un uomo che si accende le scoregge. Eppure sembra che nessuno dovrebbe cancellare tutto questo come semplice giocosità di Verhoeven. C'è di più. Dopotutto, come viene detto a Benedetta, 'Il tuo peggior nemico è il tuo corpo'. Questo è un mondo in cui il corpo femminile è visto come intrinsecamente peccaminoso in tutti i suoi bisogni e funzioni. Verhoeven cerca di esplorarlo, mettendo quel corpo in piena mostra e appoggiandosi ai bisogni carnali filtrati attraverso l'iconografia religiosa.

Virginie Efira è senza paura nei panni di Benedetta, che viene presentata per la prima volta come una ragazza, sostanzialmente venduta a un convento gestito da una badessa interpretata dal grande Charlotte Rampling . Fin da bambina, il suo corpo è di proprietà, mercanteggiato in convento al giusto prezzo. 'Benedetta' poi fa un salto in avanti di 18 anni quando il personaggio del titolo inizia ad avere visioni di Gesù. Queste manifestazioni di Cristo sono reali o fanno parte di un atto? La questione delle motivazioni di Benedetta è sospesa nell'aria dell'intero film quasi come un mistero, ma Verhoeven, almeno a questo spettatore, sembra più interessata a ciò che rivelano sul mondo che la circonda che alle questioni della sua fede, in particolare a come queste motivazioni influiscano il convento e anche uomini vili come Il Nunzio, interpretato da un ghigno Lambert Wilson .

Naturalmente, le questioni della fede si contrappongono alle questioni della carnalità dopo l'arrivo di Bartolomea ( Dafne Patakia ), una giovane donna che fugge dalla sua famiglia violenta. Più mondana della giovane cresciuta in convento, diventa oggetto del desiderio per Benedetta, divisa tra la sua lussuria e la sua vocazione. Anche in questo caso Verhoeven gioca con gli estremi fisici in scene come quella in cui Benedetta costringe Bartolomea a mettere le mani nell'acqua bollente o quella che coinvolge, beh, un oggetto di piacere formato da una statua della Vergine Maria. Naturalmente, in uno dei tanti tocchi giocosi di Verhoeven, Benedetta pronuncia il nome di Gesù dopo il suo primo orgasmo. Un personaggio dice che 'La sofferenza è l'unico modo per conoscere Cristo'. Verhoeven potrebbe mettere in dubbio tale affermazione.

Dopo che la relazione sessuale si è sviluppata e le cose hanno letteralmente iniziato ad andare all'inferno dentro e intorno al convento - c'è una cometa e una piaga, è un sacco di film - 'Benedetta' può iniziare a sembrare un po' informe. Ho iniziato a chiedermi se non fosse pensato per essere preso meno sul serio di quanto facessi all'inizio. È possibile che Verhoeven sia solo l'esecutore che scappa dagli scheletri della sua fede su quel palco, accendendo le sue scoregge nella loro direzione? Quell'area grigia tra il campo e il commento può essere difficile da navigare, e non sono sicuro che 'Benedetta' lo faccia così come alcuni lavori passati di Verhoeven. Una cosa so: che Dio protegga le persone come lui che sono disposte a provarci.

Ora suona nei teatri.

Raccomandato

Ebert recensisce i vincitori dell'Oscar
Ebert recensisce i vincitori dell'Oscar

Uno sguardo ai film, ai registi e alle performance tra i vincitori dell'Oscar 2007:

Gurinder Chadha, Sarfraz Manzoor, Viveik Kalra e Aaron Phagura nel loro film ispirato a Bruce Springsteen, Accecato dalla luce
Gurinder Chadha, Sarfraz Manzoor, Viveik Kalra e Aaron Phagura nel loro film ispirato a Bruce Springsteen, Accecato dalla luce

Un'intervista con i narratori e gli attori dietro il film ispirato a Bruce Springsteen, Blinded by the Light.

SOLUZIONI: Chicago Teens ha posti dove andare quest'estate
SOLUZIONI: Chicago Teens ha posti dove andare quest'estate

Una ristampa di un editoriale nel numero del 25 maggio 2022 del Chicago Sun-Times, di After School Matters che lavora in collaborazione con Boys & Girls Club di Chicago e Union League Boys & Club delle ragazze.

TIFF 2019: La storia personale di David Copperfield, Sound of Metal, Human Capital
TIFF 2019: La storia personale di David Copperfield, Sound of Metal, Human Capital

Considerazioni su tre film del TIFF, tra cui l'ultimo di Armando Iannucci.

Video Intervista: Katherine Waterston, Michael Fassbender e Ridley Scott su 'Alien: Covenant'
Video Intervista: Katherine Waterston, Michael Fassbender e Ridley Scott su 'Alien: Covenant'

Una video intervista con Katherine Waterston, Michael Fassbender e Ridley Scott su 'Alien: Covenant'.

Gioiosamente strano e senza paura: Stephanie Hsu su Tutto ovunque tutto in una volta
Gioiosamente strano e senza paura: Stephanie Hsu su Tutto ovunque tutto in una volta

Un'intervista con Stephanie Hsu, la star di successo di Everything Everywhere All At Once di Daniels.