Avviatore di fuoco

Recensioni

Offerto da

Il Stephen King romanzo su cui si basa la nuova versione di “Firestarter” è stato pubblicato nel 1980 durante una fase della carriera del maestro dell'horror in cui lo scrittore sembrava affascinato da ragazzini dai poteri inspiegabili. Charlie, interpretato da Drew Barrymore nel film del 1984 e Ryan Kiera Armstrong in questo, è tagliato da un tessuto simile a quello di Danny da ' Il brillante ' e il personaggio del titolo in 'Carrie': persone che scoprono di non essere come dei bambini normali. Non c'è niente di più spaventoso di un bambino fuori controllo. Fidati di me. Il lavoro di King ispirerebbe generazioni - Elle in 'Stranger Things' deve molto a Charlie, per esempio - che ha reso inevitabile un remake di questa storia di piromania lunga 40 anni. Eppure, ancora una volta, l'inevitabilità non è uguale alla creatività. Così spesso i remake sembrano più requisiti contrattuali che esplorazioni artistiche o aggiornamenti di temi senza tempo. Non c'è esempio recente migliore di 'Firestarter', un film che segue i movimenti con una prevedibilità così apatica e una pura pigrizia cinematografica che potresti voler dare fuoco a qualsiasi dispositivo lo stai guardando.

Questo 'Firestarter' si apre con Charlie a scuola, non in fuga come nell'originale. Naturalmente, questo porterà a una brutale dimostrazione di potere. Dopo alcune chiamate ravvicinate, Charlie emerge come una fenice dopo che un incidente di dodgeball ha mandato le sue emozioni nella categoria sfolgorante. Il preside e l'insegnante presumono che la palla di fuoco che è uscita dal bagno fosse un ordigno esplosivo, ma mamma e papà non sono d'accordo su cosa fare dopo. Vedi, anche loro hanno poteri, prodotti di esperimenti da un programma di tipo MK Ultra gestito da qualcosa chiamato The Shop. Papà Andy ( Zac Efron , e sì, anch'io mi sento antico che Efron ora possa credibilmente interpretare un padre) ha un'abilità chiamata 'The Push', che è fondamentalmente il controllo mentale. I poteri di sua figlia sembrano amplificati e incontrollabili. Si scaglia anche contro sua madre Vicky ( Limone di Sydney ) con un attacco telecinetico. Mamma e papà dovranno fare qualcosa di drastico per proteggere Charlie e se stessi.

Nascosto nell'ombra per anni, The Shop emerge quando il Capitano Hollister ( Gloria Ruben ) chiama un cacciatore di taglie che può gestire la situazione di Charlie 'con discrezione', un'anima morbosa di nome John Rainbird ( Michael Occhi Grigi ), ha introdotto la meditazione nell'emo rock, ovviamente. Arriva rapidamente a casa di Charlie, ma la bambina viene ricompensata per aver quasi ucciso sua madre con il gelato, ovviamente. Quando Charlie e papà tornano a casa, scoprono quanto fa davvero caldo per loro ora e scappano. Seguono urla ed esplosioni, insieme ad alcuni tentativi di papà di insegnarle a controllare i suoi poteri. Per lo più esplosioni, che sembrano tattili come un filtro TikTok.

Il modello Blumhouse è quello di mantenere bassi i budget, ma di solito assumono registi e team di produzione che possono nascondere gli angoli tagliati con scelte di regia cinematografica intelligenti. Non questa volta. 'Firestarter' sembra solo a buon mercato — nella maggior parte dei casi, più economico della versione del 1984 — senza elementi artigianali o decisioni memorabili al di fuori di un bel punteggio degli anni '80 da Giovanni Carpentiere , Cody Carpentiere , e Daniel Davis . La colonna sonora meritava un film che sapesse utilizzarla in modo più efficace e con un linguaggio visivo più serrato. Tutto qui è un primo piano, una copertura noiosa in scene di dialogo scritte in modo piatto, e l'azione è anche peggio. Spesso è difficile decifrare cosa diavolo sta succedendo quando le cose dovrebbero diventare intense e regista Keith Thomas fa un pessimo lavoro con la geografia (in gran parte a causa della struttura in primo piano e inquadratura inversa che non mette mai due persone in una cornice in una stanza).

Per una strana coincidenza, c'è un altro film in uscita in alcune città e su VOD questa settimana sui bambini telecinetici chiamato 'The Innocents', che lo stesso Stephen King ha elogiato, probabilmente ricordando un po' di quel periodo in cui anche lui era affascinato da piccoli mostri imprevedibili. Trova invece un modo per guardarlo.

Al cinema e su Peacock oggi.

Raccomandato

Fantasia 2018: L'uomo che uccise Hitler e poi The Bigfoot, Luz, Cam
Fantasia 2018: L'uomo che uccise Hitler e poi The Bigfoot, Luz, Cam

Recensioni dal Fantasia International Film Festival di 'The Man Who Killed Hitler and Then The Bigfoot', il film horror sperimentale 'Luz' e il 'Black Mirror'-esque 'Cam'.

Cessate il fuoco
Cessate il fuoco

Questo è uno dei migliori film dell'anno.

Nessuno sano di mente parte per girare un film con 25 personaggi principali: Dietro le quinte del film di Downton Abbey
Nessuno sano di mente parte per girare un film con 25 personaggi principali: Dietro le quinte del film di Downton Abbey

Un'intervista con la produttrice Liz Trubridge e gli attori Michelle Dockery e Laura Carmichael su Downton Abbey.

Uomini
Uomini

Qualunque sia la tua reazione all'ultima distorsione mentale meticolosamente realizzata dallo scrittore/regista Alex Garland, non sarà indifferenza.